EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Pechino: "Possibile immunità di gregge entro la fine dell'anno"

Pechino: "Possibile immunità di gregge entro la fine dell'anno"
Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo alcuni scenari allo studio in Cina il paese potrebbe raggiungere questo livello dopo aver vaccinato l'80 per cento dei cittadini

PUBBLICITÀ

È finita in scontri con la polizia in Australia la protesta contro il ritorno al regime di blocco a causa della pandemia. A Sidney, Melbourne e in altre città gli agenti hanno usato i gas irritanti nel tentativo di contenere la folla, e hanno arrestato diversi manifestanti.

In Brasile, dopo mesi di segnali negativi, aumenta la curva dei vaccinati, almeno secondo i dati ufficiali. Le autorità di Rio de Janeiro affermano che 4,7 milioni di residenti, corrispondenti al 90 per cento della popolazione, ha ricevuto almeno una prima dose di vaccino,

In Cina continentale, dove si sono registrati quattro nuovi casi positivi locali e 16 importati, secondo alcune stime si potrebbe raggiungere la cosidetta immunità di gregge entro la fine dell'anno, quando sarà stato vaccinato l'80 per cento della popolazione.

Infine, Cuba, alle prese con una rapida crescita dei nuovi contagi sull'isola, approva l'impiego d'emergenza di due nuovi vaccini, Soberana 2 e Soberana Plus.

I due preparati sono stati sviluppati da strutture di Cuba e dell'Iran, dove hanno già ricevuto una autorizzazione all'uso in via d'emergenza. Un mese fa le autorità cubane avevano dato il via libera alla somministrazione di Abdala, il primo vaccino realizzato in America Latina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid: obiettivo terza dose (in Israele per gli under 30 e in Francia per gli over 65)

Covid, dalla movida ritrovata a Barcellona allo stop degli eventi nei Paesi Bassi

Aborto, le donne brasiliane scendono in strada contro proposta di legge "criminalizzante"