EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Svezia, al via il processo per il massacro di migliaia di detenuti politici iraniani

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Stefan Jerrevang/AP
Diritti d'autore Stefan Jerrevang/AP
Di Euronews Agenzie:  Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel procedimento, che si tiene a Stoccolma, le organizzazioni per i Diritti umani accusano anche il nuovo presidente iraniano, Ebrahim Raisi

PUBBLICITÀ

Al via a Stoccolma il processo per il massacro di migliaia di detenuti politici in Iran nel 1988.

L'imputato, il 60enne Hamid Nouri, è comparso davanti alla Corte distrettuale, mentre all'esterno dell'edificio centinaia di manifestanti mostravano fotografie delle vittime chiedendo giustizia.

Nella vicenda, le organizzazioni per i Diritti umani accusano anche il nuovopresidente iraniano, Ebrahim Raisi.

"La giustizia gradualmente prevarrà - dice Shahin Gobadi, del Consiglio nazionale della resistenza dell'Iran - pensiamo che il mondo alla fine capirà l'entità delle atrocità commesse in Iran e che questo sia l'inizio di un processo che continuerà sin quando i leader del regime iraniano, tra cui Khamenei e Raisi, saranno assicurati alla giustizia".

Stefan Jerrevang/AP
AP PhotoStefan Jerrevang/AP

Nouri fu arrestato nel novembre 2019 all'aeroporto di Stoccolma e da allora è in custodia cautelare: è accusato di aver causato la morte di un gran numero di detenuti, simpatizzanti o membri di un'organizzazione armata di opposizione al regime di Teheran (Mojaheddin del Popolo, Mko).

I corpi furono sepolti in fosse comuni e alle famiglie non è mai stato detto dove si trovano. 

Molti testimoni hanno identificato Nouri come assistente del procuratore nella prigione di Ghoardasht a Karaj, a ovest di Teheran, dove molti dei detenuti furono impiccati.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iran, il nuovo presidente Ebrahim Raisi giura davanti al Parlamento

Immigrazione, stretta anche in Svezia: addio al permesso permanente

Svezia, sparatoria nei pressi dell'ambasciata di Israele: diversi arresti