ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Svezia, al via il processo per il massacro di migliaia di detenuti politici iraniani

Access to the comments Commenti
Di Euronews Agenzie:  Ansa
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Stefan Jerrevang/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Al via a Stoccolma il processo per il massacro di migliaia di detenuti politici in Iran nel 1988.

L'imputato, il 60enne Hamid Nouri, è comparso davanti alla Corte distrettuale, mentre all'esterno dell'edificio centinaia di manifestanti mostravano fotografie delle vittime chiedendo giustizia.

Nella vicenda, le organizzazioni per i Diritti umani accusano anche il nuovopresidente iraniano, Ebrahim Raisi.

"La giustizia gradualmente prevarrà - dice Shahin Gobadi, del Consiglio nazionale della resistenza dell'Iran - pensiamo che il mondo alla fine capirà l'entità delle atrocità commesse in Iran e che questo sia l'inizio di un processo che continuerà sin quando i leader del regime iraniano, tra cui Khamenei e Raisi, saranno assicurati alla giustizia".

Stefan Jerrevang/AP
AP PhotoStefan Jerrevang/AP

Nouri fu arrestato nel novembre 2019 all'aeroporto di Stoccolma e da allora è in custodia cautelare: è accusato di aver causato la morte di un gran numero di detenuti, simpatizzanti o membri di un'organizzazione armata di opposizione al regime di Teheran (Mojaheddin del Popolo, Mko).

I corpi furono sepolti in fosse comuni e alle famiglie non è mai stato detto dove si trovano.

Molti testimoni hanno identificato Nouri come assistente del procuratore nella prigione di Ghoardasht a Karaj, a ovest di Teheran, dove molti dei detenuti furono impiccati.