ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tokyo 2020: la cerimonia d'apertura certifica il via "ufficiale"

Access to the comments Commenti
Di Redazione italiana
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Dylan Martinez/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Con la cerimonia di apertura allo Stadio Nazionale, senza pubblico a causa del Covid-19, c'è ora anche il via "ufficiale" alle Olimpiadi di Tokyo.

Oltre 200 le Nazioni partecipanti: l'Italia ha sfilato 18esima, con i portabandiera Jessica Rossi ed Elia Viviani, mentre la pallavolista Paola Egonu ha portato, su indicazione del CIO, il vessillo olimpico.

Parata d’onore anche per la Russia, che non ha potuto esporre la bandiera nazionale per le vicende legate al doping.

Momento particolarmente emozionante si è vissuto con la comparsa dell'ologramma del mondo, sospeso sull'arena e accompagnato dalle note di "Imagine".

Non solo lustrini

È il giorno dell'apertura dei Giochi, ma anche il giorno del judo, uno degli sport più seguiti in Giappone, che domina in questa arte marziale con ben 39 titoli olimpici dal 1964.

Nella categoria -48 kg, l'ultimo titolo olimpico è stato vinto dall'Argentina Paula Pareto, ma i giapponesi tiferanno per la loro Funa Tonaki, 25enne, che è già riuscita a sconfiggere l'ucraina Daria Bilodid, la più giovane due volte campionessa mondiale di judo.

Nella categoria sotto i 60 chili gli ultimi due titoli sono stati vinti da russi, ma anche qui i giapponesi hanno il loro eroe nazionale, Naohisa Takato.

Quest'ultimo, tre volte campione del mondo, è stato medaglia di bronzo alle olimpiadi di Rio.

Le gare di judo dureranno fino al 31 luglio: oggi si aprono anche le competizioni di scherma, pallamano, pallavolo, taekwondo, basket 3x3, boxe, ciclismo, tennis e nuoto.

Anche l'Italia a Tokyo ha il suo campione di judo: Manuel Lombardo, numero uno mondiale per la categoria -66 kg .

Tornando alla scintillante cerimonia d'apertura, come da tradizione, la delegazione ellenica è la prima a comparire: a sfilare per ultimi, nell'ordine, Stati Uniti, Francia e Giappone,con la tennista Naomi Osaka ultima tedofora.