EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Salute: Emergency, per tribunale cure a europei senza Ssn

Condannati Ats e Niguarda Milano. Caso romena operata al cuore
Condannati Ats e Niguarda Milano. Caso romena operata al cuore
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 12 LUG - Bisogna riconoscere il diritto alle cure essenziali indipendentemente dalla situazione amministrativa ed economica dell'assistito. E' questo, in sintesi, il principio espresso dal Tribunale di Milano che ha condannato - rende noto l' associazione Emergency che ha patrocinato il caso - nei giorni scorsi l'Agenzia di tutela della salute di Milano e l'ospedale Niguarda a garantire l'accesso completamente gratuito alle cure essenziali di una cittadina romena di 53 anni in stato di bisogno. Ats Milano "deve - sottolinea Emergency - farsi carico di tutte le prestazioni sanitarie essenziali anche dei cittadini europei privi di residenza e dei requisiti per l'iscrizione al Servizio sanitario nazionale". Nel 2015 alla donna "era stata impiantata una protesi mitralica meccanica in sostituzione di una precedente protesi biologica, ma da allora non ha potuto eseguire alcun controllo cardiologico perché non poteva pagare le visite". A differenza di altre regioni italiane - denuncia Emergency - "la Regione Lombardia non riconosce il diritto alle cure essenziali ai cittadini europei non regolarmente soggiornanti, che sono costretti a sostenere per intero il costo delle terapie, pagando quindi di tasca propria visite ambulatoriali, ricoveri e farmaci, indipendentemente dal reddito". "Purtroppo, - spiega Emanuele Longo, medico dell'Ambulatorio mobile - il deterioramento di una protesi valvolare cardiaca, o una sua disfunzione, può causare un alto tasso di mortalità. Inoltre, le terapie farmacologiche a cui è sottoposta la signora devono essere monitorate costantemente per evitare l'insorgere di complicanze, quali possibili emorragie nel caso della terapia anticoagulante orale. Per questa ragione, i controlli specialistici, quali le visite cardiologiche o l' ecocardiografia o gli esami del sangue, dovrebbero essere periodici oppure il più precoci possibili, per identificare l'insorgenza di problemi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Donald Trump è a Milwaukee per la convention repubblicana, Biden: "No ad atti di violenza"

Le notizie del giorno | 15 luglio - Mattino

Gaza, Israele attacca una scuola gestita dall'Onu. Almeno 14 i morti