ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Centinaia di migranti in sciopero della fame a Bruxelles

Di Gregoire Lory
euronews_icons_loading
Centinaia di migranti in sciopero della fame a Bruxelles
Diritti d'autore  KENZO TRIBOUILLARD/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Almeno 250 migranti si sono chiusi in una chiesa nel centro di Bruxelles e oltre 200 in altre località della capitale belga.

Chiedono un riconoscimento immediato e che venga concesso collettivamente uno status stabile.

Così Ahmed: "A volte mi chiedo come può dormire il nostro governo quando ha così tante persone che muoiono di fame, che muoiono di sofferenza. Sono in uno stato di agonia e il governo continua a dormire consapevolmente".

Questi uomini provengono principalmente dal nord Africa - Tunisia, Marocco, Algeria ed Egitto e Pakistan. Dicono di aver vissuto e lavorato per anni da invisibili in Belgio, molti dicono decenni.

Senza documenti non possono accedere all'assistenza sanitaria adeguata, ai servizi finanziari o ad altri benefici concessi ai residenti belgi. Affermano di nutrirsi poco e male dal 23 maggio.

Il supporto medico volontario insiste che la situazione qui è critica.

Cecile Vanheuverzwijn- Medico volontario: "La situazione è catastrofica. I pazienti stanno sempre meno bene. Abbiamo visto diversi problemi cardiaci, problemi renali, difficoltà psicologiche e diversi tentativi di suicidio".

Lo sciopero della fame sta ricevendo poca attenzione sulla stampa belga, ma con il peggioramento della situazione sanitaria, aumentano le pressioni sul governo affinché agisca. Si pensa che nel Paese ci siano 150mila migranti privi di documenti.

Il ministro federale belga per l'immigrazione insiste che non sarà ricattato per fare concessioni collettive e approvare richieste di asilo collettive.

Sammy Mahdi - Segretario di Stato federale belga per l'immigrazione: "È frustrante. Stiamo cercando di aiutare le persone il più possibile a far sì che i loro dossier vengano trattati il ​​più rapidamente possibile. Ma ovviamente non tutte le persone prive di documenti, non tutte le persone che sono qui possono rimanere in Belgio. E quindi stiamo cercando di dare loro le giuste informazioni, ma lo sciopero della fame non aiuterà".

Questi uomini si rifiutano di sottoporsi individualmente alla procedura di richiesta per paura di essere espulsi.

Il governo belga ritiene che questa protesta sia un esempio del motivo per cui l'Unione Europea ha bisogno di un migliore coordinamento nel sostenere i richiedenti asilo da ricollocare in tutto il continente.