ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Scatta la corsa ai diamanti in Sudafrica, ma forse è solo quarzo

Di Euronews
euronews_icons_loading
Scatta la corsa ai diamanti in Sudafrica, ma forse è solo quarzo
Diritti d'autore  PHILL MAGAKOE/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

C'è la tradizione, ci sono i giacimenti, ma non sempre in Sudafrica ciò che brilla è un diamante.
In migliaia hanno forse preso un abbaglio, sono accorsi su una collina nella provincia sudafricana di KwaZulu-Natal, a 300 chilometri da Johannesburg, per cercare le pietre preziose, anche se il governo invita alla cautela e sostiene potrebbero essere ciotoli senza valore.

Gli esperti non escludono la possibilità che si tratti di diamanti autentici, anche se dicono che l'eventualità è altamente improbabile. Il Dipartimento dell'Energia e delle Miniere ha dichiarato che avrebbe inviato una squadra di esperti nei prossimi giorni.

Mduduzi Maphumulo ha voluto tentare la fortuna, come molti con lui: "Ecco, lo sto tenendo in mano, ed è come una piramide, come potete vedere. È per davvero, qualcosa di reale" dice.

Nel Paese che ha portato alla luce il più grande diamante della storia, il Cullinan, e che ha fatto la fortruna della dinastia De Beers, i sogni sono permessi, ma la materia di cui sono fatti sembra essere quarzo.

La cercatrice Hlengiwe Mlambo manifesta maggiore cautela: "Potrebbe esserci una probabilità che ci siano diamanti perché il sito è vicino a un fiume e stiamo trovando pietre come questa - argomenta Mlambo - Al momento penso però che tutti stiano trovando il quarzo. Non abbiamo la possibilità di verificarlo con certezza ora, quindi sì, stiamo aspettando quello che poi sapremo in via definitiva".

La leggenda vuole che il Cullinan da 3.106 carati, scoperto in Sudafrica nel 1905, prima dell'estrazione industriale, sia stato trovato a pochi metri dalla superficie con un coltello tascabile. L'ipotesi di un ritrovamento prezioso vale la scommessa di molti.

Il Sudafrica è leader mondiale nella produzione dei diamanti e l'industria mineraria, anche in declino, rimane uno dei pilastri dell'economia, rappresentando più dell'8% del PIL e quasi mezzo milione di posti di lavoro.