ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La geopolitica UE-Usa torna a Bruxelles

Di Euronews
euronews_icons_loading
La geopolitica UE-Usa torna a Bruxelles
Diritti d'autore  LEON NEAL/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo alcuni anni di tensione, il tappeto rosso viene srotolato di nuovo, mentre Bruxelles e Washington si preparano a incontrarsi di persona questo martedì 15 giugno per un vertice.

All'ordine del giorno – la guerra commerciale transatlantica innescata dall'era Trump e che non è ancora finita.

L'ex ambasciatore dell'UE negli Stati Uniti David O Sullivan ritiene che i problemi non saranno risolti in questo vertice, ma che si faranno progressi.

David O'Sullivan, ex ambasciatore dell'UE negli Stati Uniti dice: "Il primo è, ovviamente, l'affare Airbus Boeing, che è stato oggetto di contenzioso in seno all'OMC negli ultimi 17 anni. Penso che sia giunto il momento di negoziare un accordo. È complicato. È difficile ma abbiamo bisogno di cercare di trovare una soluzione nelle prossime settimane. Abbiamo dazi su acciaio e alluminio, che riteniamo siano stati imposti ingiustamente agli esportatori europei dall'amministrazione Trump con il pretesto della sicurezza nazionale. Vogliamo davvero vederli eliminati".

Oltre al commercio, la Cina sarà un altro grande punto di discussione con gli Stati Uniti, nella speranza di allineare gli europei sulla loro posizione e incoraggiare gli europei a mantenere il piano di investimento UE/Cina.

Durante la riunione del G7, sono stati compiuti alcuni progressi per contrastare meglio l'ascesa economica della Cina.

Il presidente della Commissione europea ha chiarito a Euronews la posizione dell'UE. Ursula von der Leyen. presidente della CE: "Con la Cina ci sono campi in cui collaboriamo, ad esempio nella lotta ai cambiamenti climatici. in campo economico, siamo concorrenti. Ci sono ambiti in cui collaboriamo, ma ci sono altri ambiti in cui siamo forti concorrenti. Dobbiamo disporre dei nostri strumenti, fare un'analisi sugli investimenti nella 5g o negli investimenti diretti esteri e altri strumenti senza dimenticare i diritti fondamentali, i valori umani e la democrazia. E qui è molto chiaro che con Pechino non condividiamo molte cose. senza alcun dubbio".

I leader discuteranno modi comuni per affrontare l'ascesa della Cina come superpotenza tecnologica. Un consiglio per il commercio e la tecnologia creerebbe gruppi di lavoro UE/USA in settori come la sicurezza informatica e le piattaforme tecnologiche. Verranno inoltre sollevati problemi complicati relativi alla privacy.

David O'Sullivan, ex ambasciatore dell'UE negli Stati Uniti: "Naturalmente abbiamo i problemi inerenti il campo della privacy, i trasferimenti di dati, La cosa è stata nuovamente bloccata dalla Corte di giustizia. Ci sono colloqui sono in corso, vitali affinché l'industria sia in grado di trasferire dati attraverso l'Atlantico".

Il vertice UE/USA toccherà anche la pandemia e il sostegno a un'indagine congiunta sull'origine del Covid 19 a Wuhan.