EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Irlanda del Nord, in una sentenza "le stragi dell'esercito britannico"

frame
frame Diritti d'autore frame
Diritti d'autore frame
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Tribunale dei coroner di Belfast a 50 anni dal massacro di Ballymurphy accusa l'esercito di Sua Maestâ: "Le 11 vittime erano incolpevoli e disarmate, non una minaccia"

PUBBLICITÀ

Il tristemente celebre massacro di Ballymurphy, in Irlanda del Nord, fu responsabilità dell'esercito di Sua Maestà la regina d'Inghilterra, che uccise undici persone "incolpevoli e disarmate" a Belfast.

Lo afferma, a 50 anni dai fatti, una sentenza della Corte dei coroner, che sgombera il campo dalle false ricostruzioni fatte circolare nell'immediatezza dell'accaduto.

Soddisfazione è stata espressa dai parenti delle vittime, che come John Teggart, figlio di una di loro, non hanno mai abbandonato la lotta per arrivare alla verità: "La corte ha stabilito che le vittime non costituivano una minaccia, erano disarmati e innocenti, e che è stata usata una forza ingiustificata".

In aula erano presenti numerosi familiari delle vittime, tra cui anche la figlia di Joan Connolly: "Era innocente, era una mamma che cercava i suoi figli e che non meritava un amorte simile. Non è stata uccisa per sbaglio".

Il Tribunale ha accertato la spirale di violenza che era stata alimentata anche dai disordini di piazza, ma ha anche stabilito che in quella situazione si è fatto ricorso alla forza in modo sproporzionato, dato che non esisteva alcuna minaccia.

Improntate alla condanna e allo sdegno le reazioni alla sentenza da parte dei vertici politici e istituzionali dell'Irlanda del Nord.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Diagnosi di tumore per re Carlo III, il principe William e Camilla assumeranno impegni pubblici

Irlanda del Nord, Rishi Sunak incontra il nuovo governo locale: O'Neill e Little-Pengelly

Irlanda del Nord: Londra approva l'intesa sulla fine dello stallo politico