ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Brasile: massacro nella favela a Rio, 28 morti. Polizia sotto accusa

euronews_icons_loading
Proteste contro l'operazione di polizia druante la quale 28 persone sono state uccise, nella favela Jacarezinho a Rio de Janeiro
Proteste contro l'operazione di polizia druante la quale 28 persone sono state uccise, nella favela Jacarezinho a Rio de Janeiro   -   Diritti d'autore  MAURO PIMENTEL / AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Sale a 28 morti il bilancio dell'operazione di polizia nella favela di Jacarezinho a Rio de Janeiro, che si è trasformata in un bagno di sangue. La polizia brasiliana ha dovuto far fronte alle proteste indignate della popolazione, oltre all'appello delle Nazioni Unite perché si indaghi su come una normale operazione possa aver avuto un simile epilogo.

Il giudice della corte Suprema brasiliana, Luiz Edson Fachin, ha definito "gravi" le denunce di abusi, parlando di indizi di "esecuzioni sommarie" nei filmati che ha visionato.

"La polizia esiste per farci sentire al sicuro, ma quello che sentiamo noi è paura, perché quando abbiamo sentito la voce dei poliziotti dentro casa abbiamo avuto paura, eravamo nel panico perché abbiamo sentito gli spari, le urla, la loro irruzione nelle case", dice una studentessa. "Li ho visti gettare corpi nel fiume, quando sono uscita di casa non c'era nessuno per strada".

Il raid di 9 ore, nel quale sono stati coinvolti 200 agenti, è stato condotto nell'ambito di indagini sul reclutamento di bambini e adolescenti da parte di gruppi criminali per condurre operazioni illecite, come omicidi, spaccio, furti e dirottamenti dei treni. Al momento le forze dell'ordine non hanno dato le generalità delle persone decedute. Si sa solo che una di loro è un agente, mentre le altre sono residenti della favela.

MAURO PIMENTEL / AFP
Un presunto narcotrafficante ucciso dalla polizia, mentre cercava di fuggire. Si è rifugiato nella stanza di una bambina di nove anni, che ha assistito alla sparatoriaMAURO PIMENTEL / AFP

Sono tante le domande alle quali la polizia deve dare una risposta: le vittime erano veramente criminali? Perché sono stati uccisi e non arrestati?