This content is not available in your region

Albania e Macedonia del Nord, un allargamento sempre più complicato

Access to the comments Commenti
Di Sandor Zsiros
euronews_icons_loading
Albanian, EU and North Macedonian flags
Albanian, EU and North Macedonian flags   -   Diritti d'autore  ROBERT ATANASOVSKI/AFP or licensors

È stato un tabù politico per anni, ma ora la possibilità di dividere il processo di allargamento per l'Albania e la Macedonia del Nord potrebbe diventare una realtà.

I due paesi dei Balcani occidentali si erano mossi insieme nel processo, almeno finora

Ma ora il commissario dell'UE per l'allargamento, Olivér Várhelyi, ha affermato in un'intervista a Euronews che l'Albania potrebbe ottenere prima il via libera per avviare i colloqui di adesione.

Cosi' Olivér Várhelyi, Commissario per l'allargamento e il vicinato: “Se ci imbattiamo di nuovo in difficoltà con la Macedonia del Nord, significa che non siamo riusciti a convincere né la Bulgaria né la Macedonia del Nord su una soluzione reciprocamente accettabile, allora potrebbe emergere l'ipotesi di andare avanti solo con l'Albania. E dovremo considerare questa eventualità".

Quindi scindere i due destini è possibile, è un'opzione?

Continua Olivér Várhelyi: "Potrebbe essere un'opzione, sì."

I colloqui dell'Ue della Macedonia del Nord sono bloccati dal suo vicino membro dell'UE, la Bulgaria. Sofia ha posto il veto ai colloqui di adesione lo scorso anno in modo netto circa le relazioni bilaterali su lingua e tradizioni.

La Commissione ritiene che sia l'Albania che la Macedonia del Nord siano pronte per l'inizio dei colloqui e insiste che la decisione è nelle mani degli Stati membri dell'UE.

Ana Pisonero, portavoce della Commissione europea: “Riteniamo che entrambi i paesi abbiano soddisfatto le condizioni richieste. Ma ovviamente, affinché ciò possa accadere, il Consiglio deve essere in grado di concordare il quadro negoziale. Siamo a questo punto".

Nikola Dimitrov, vice premier della Macedonia del Nord ha dichiarato in una dichiarazione inviata a Euronews che "il caso della Macedonia del Nord è un test sulla credibilità europea nei Balcani occiden tali: Bruxelles manterrà le sue promesse?"

Afferma il nostro corrispondente Sandor Zsiros: I macedoni del nord hanno persino accettato di cambiare il nome del loro paese due anni fa per ottenere la candidatura. Ora il primo ministro del paese, Zoran Zaev, lunedì sarà in visita a Bruxelles per chiarire personalmente i dubbi.