This content is not available in your region

Macedonia Nord: Zaev si dimette da premier e guida del partito

Access to the comments Commenti
Di ANSA
euronews_icons_loading
Zoran Zaev
Zoran Zaev   -   Diritti d'autore  AP Photo

Il premier macedone e leader del Partito socialdemocratico locale (Sdsm), Zoran Zaev, si è dimesso da entrambe le cariche dopo il risultato deludente ottenuto dal suo partito nei ballottaggi delle amministrative che si sono appena celebrate.

"A nome del mio partito mi congratulo con i nostri avversari per la vittoria in questo turno elettorale. Mi assumo la responsabilità di questi risultati e mi dimetto dalle cariche di primo ministro e di presidente del partito", ha detto Zaev in una conferenza stampa a Skopje.

Zaev tuttavia si è detto contrario a nuove elezioni. Nel ballottaggio per la carica di sindaco della capitale si è affermata Danela Arsovska, candidata indipendente appoggiata dal partito conservatore Vmro-Dpmne all'opposizione. Stando ai dati non ancora definitivi della commissione elettorale, Arsovska ha ottenuto oltre il 56% dei voti, rispetto al poco meno del 40% andato al candidato socialdemicratico Petar Shilegov.

L'avanzata della destra

I candidati dell'opposizione conservatrice si sono affermati in numerose altre località dove si è votato per i ballottaggi. Il leader di Vmro-Dpmne Hristijan Mickovski ha chiesto in serata elezioni anticipate. La crisi di governo interviene in un momento delicato per il Paese balcanico, alle prese con una forte ripresa della pandemia e con nuovi problemi economici legati alla crisi energetica.