EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Modella rapita: giudici, Michal non sapeva di estorsione

Le motivazioni di riduzione della condanna a 5 anni e 8 mesi
Le motivazioni di riduzione della condanna a 5 anni e 8 mesi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 28 APR - "Alla luce di quanto emerge dagli atti" non può dirsi "adeguatamente dimostrata la consapevolezza", da parte di Michael Herba, che il sequestro della modella inglese Chloe Ayling fosse avvenuto al fine di "renderla merce di scambio contro il prezzo della liberazione". Lo si legge nelle motivazioni della Corte d'Assise d'Appello di Milano che lo scorso marzo ha riqualificato il reato da "sequestro di persona a scopo di estorsione" a "sequestro di persona", riducendo così in secondo grado la condanna per l'uomo, da 16 anni e 8 mesi di carcere a 5 anni anni e 8 mesi di carcere. Per il rapimento della giovane, tra l'11 e il 17 luglio 2017 a Milano, è già stato condannato in via definitiva a 12 anni e mezzo il fratello Lucasz Pawel Herba. Per i giudici non vi è "prova sicura" che Michal, difeso dagli avvocati Simone Zancani, Tiziana Bellani ed Eleonora Piccolotto, "fosse a conoscenza, fin dall'inizio del sequestro" della possibile "vendita all'asta" della giovane e il "tenore delle mail, dei messaggi e lo stesso comportamento di Michal non forniscono alcuna certezza della sua consapevole partecipazione ad un sequestro con finalità estorsive". Nell'atto, tuttavia, i giudici sottolineano che la partecipazione dell'uomo "non è stata affatto minima" e che quindi non è possibile concedergli altre attenuanti rispetto alle generiche già concesse in primo grado. "Va ribadito - scrivono - come l'imputato abbia concorso nell'immobilizzare la ragazza, nel narcotizzarla (...), nello spogliarla, metterla in un sacco e poi nel bagagliaio di una macchina, all'interno del quale aveva viaggiato per molte ore, nel portarla in una baita sperduta da dove non poteva scappare, nel consentire al fratello, soggetto imprevedibile e pericoloso, di continuare a tenerla segregata per altri cinque giorni seppure suggerendogli di trattarla bene". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mosca, Putin riceve Assad: presidenti russo e siriano discutono della situazione in Medio Oriente

Lettonia, arrestati quattro trafficanti di migranti

Rapporto Ue sullo stato di diritto, Fnsi: “Confermato il nostro allarme”