ULTIM'ORA
This content is not available in your region

200 bombole ossigeno scaduto sequestrate in ospedale Lecce

Asl, erano in impianto secondario mai entrato in funzione
Asl, erano in impianto secondario mai entrato in funzione
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BARI, 13 NOV – Un impianto composto da circa 200
bombole con ossigeno scaduto è stato sequestrato ieri dai Nas
nel corso di una ispezione nell’ospedale Vito Fazzi di Lecce. Le
bombole erano agganciate al sistema di emergenza secondario ma -
a quanto si apprende – poiché l’ossigeno è considerato un
farmaco a tutti gli effetti, quando è scaduto non può essere
conservato a meno che non sia riportata l’indicazione ‘farmaco
scaduto in attesa di reso’. “I Nas – precisa la Asl di Lecce in
una nota – condividendo la richiesta della direttrice della
farmacia del Presidio Ospedaliero Vito Fazzi, hanno disposto lo
smontaggio delle bombole con prodotto scaduto”. E l’Asl
“contesterà alla ditta la inadempienza contrattuale
riscontrata”. Le bombole con l’ossigeno scaduto erano in una
“rampa mai entrata in funzione nel corso degli anni – evidenzia
l’Asl – con più bombole attivabili solo manualmente da un
operatore in caso di estrema urgenza, per non funzionamento del
sistema centrale e della rampa di emergenza ad attivazione
automatica”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.