EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

A Napoli sequestrate 28mila mascherine FFP2 contraffate

Gdf in negozio gestito da cinesi, 69mila articoli non a norma
Gdf in negozio gestito da cinesi, 69mila articoli non a norma
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 24 OTT - Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato, in un negozio gestito da soggetti di origine cinese del quartiere Gianturco di Napoli, 69.000 articoli con loghi contraffatti e non sicuri, tra pseudo mascherine "FFP2" e accessori di Halloween, messi in vendita. L'operazione è scattata dopo il monitoraggio da parte del gruppo di Frattamaggiore di spedizioni "sospette". Le Fiamme Gialle, a seguito di pedinamenti e appostamenti, hanno verificato che la merce, regolarmente consegnata da uno spedizioniere all'esercizio commerciale, è stata successivamente occultata dai dipendenti in un locale all'interno del negozio. Una volta intervenuti, i finanzieri hanno aperto i colli e all'interno hanno scoperto 28.000 mascherine facciali prive delle certificazioni di conformità e della relativa autorizzazione per l'importazione e l'immissione in commercio. All'intero esercizio commerciale sequestrate anche 6600 custodie per mascherine in plastica con marchio CE non conforme, nonché 34.000 fra maschere ed accessori di Halloween, privi delle istruzioni in lingua italiana e dell'indicazione della provenienza. Denunciati due responsabili, il rappresentante legale e l'addetto alla vendita, entrambi di origine cinese, per frode in commercio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso, gli Stati Uniti: "Nave greca attaccata dagli Houthi"

Trump, processo verso la fine: sentenza attesa entro la settimana

Gaza, carri armati nel centro di Rafah: Israele, Usa ed Europa divisi dopo attacchi a campi profughi