ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Italia manda rifiuti in Tunisia e tarda a riprenderseli

euronews_icons_loading
Pictures
Pictures   -   Diritti d'autore  Afptv
Dimensioni di testo Aa Aa

Manifestanti chiedono all'Italia e al governo tunisino di sgomberare centinaia di contenitori di rifiuti spediti illegalmente e immagazzinati a Sousse, un porto del paese nordafricano.

Nell'estate del 2020, i funzionari doganali tunisini hanno sequestrato 282 container che erano stati spediti dall'Italia e dichiarati trasportanti rottami di plastica per il riciclaggio industriale. Ma è stato scoperto che i container contengono una miscela di rifiuti domestici la cui importazione è vietata dalla legge tunisina.

"Ci sono centinaia di container nel molo del porto. Ci sono anche 69 container contenenti rifiuti nel magazzino dell'azienda importatrice. Questa è da considerarsi una catastrofe ambientale", dice un manifestante.

Le autorità di Roma avevano concesso all'azienda italiana che ha venduto i rifiuti 90 giorni per recuperare il carico dal 9 dicembre, ma il termine è scaduto senza che accadesse nulla .