EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Italia manda rifiuti in Tunisia e tarda a riprenderseli

Pictures
Pictures Diritti d'autore Afptv
Diritti d'autore Afptv
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Manifestazioni contro i rifiuti italiani in Tunisia

PUBBLICITÀ

Manifestanti chiedono all'Italia e al governo tunisino di sgomberare centinaia di contenitori di rifiuti spediti illegalmente e immagazzinati a Sousse, un porto del paese nordafricano.

Nell'estate del 2020, i funzionari doganali tunisini hanno sequestrato 282 container che erano stati spediti dall'Italia e dichiarati trasportanti rottami di plastica per il riciclaggio industriale. Ma è stato scoperto che i container contengono una miscela di rifiuti domestici la cui importazione è vietata dalla legge tunisina.

"Ci sono centinaia di container nel molo del porto. Ci sono anche 69 container contenenti rifiuti nel magazzino dell'azienda importatrice. Questa è da considerarsi una catastrofe ambientale", dice un manifestante.

Le autorità di Roma avevano concesso all'azienda italiana che ha venduto i rifiuti 90 giorni per recuperare il carico dal 9 dicembre, ma il termine è scaduto senza che accadesse nulla .

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tunisia, l'ex presidente del parlamento comincia uno sciopero della fame

L'estate più calda di sempre? Cosa potrebbe arrivare in Europa nei prossimi mesi secondo gli esperti

Il Green Deal europeo è già sul viale del tramonto?