Francia, risarcimenti dalla chiesa alle vittime di pedofilia; ma alle associazioni la legge non piac

Francia, risarcimenti dalla chiesa alle vittime di pedofilia; ma alle associazioni la legge non piac
Diritti d'autore GEORGES GOBET/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

ma secondo le associazioni si tratta solo di un diversivo per depotenziare i lavori della commissione indipendente sugli abusi del clero

PUBBLICITÀ

La scelta pare abbastanza netta: in Francia, la Chiesa cattolica ha firmato una risoluzione con la quale si impegna a pagare un contributo finanziario alle vittime di pedofilia, riconoscendo il proprio fallimento nel trattare adeguatamente situazioni del genere

Ma all'associazione "La Parole Libérée", che si occupa proprio di sostegno sociale e finanziario alle vittime di abusi, la decisione non piace affatto: secondo i dirigenti del gruppo, obiettivo dei vescovi francesi sarebbe cortocircuitare i lavori della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa."Le decisioni prese oggi dai vescovi - spiega François Devaux, presidente de "La Parole Libérée"- saranno molto probabilmente nulle tra sei mesi, dato il lavoro di precisione e di verità che deve ancora essere svolto dalla commissione

La Parole Libérée è stata creata a Lione nel 2015. I fondatori furono tra le vittime degli abusi di padre Bernard Preynat, un prete che in quella stessa diocesi esercitò negli anni 80, e che per tali abusi stato condannato l'anno scorso a 5 anni.

Il caso ha scosso profondamente la chiesa francese, portando, a domino, fino alle dimissioni dell'arcivescovo di Lione, Philippe Barbarin. Lo scorso venerdì, l'associazione ha annunciato il proprio scioglimento

"L'ambizione di "La Parole Libérée" era di aumentare la consapevolezza generale" spiega Devaux. "Dovevamo rappresentare un innesco. Non siamo un'autorità, non possiamo pretendere di essere esperti in materia. È ora che ci facciamo da parte, abbiamo fatto tutto ciò che potevamo. Non siamo responsabili di come la Chiesa decide di riformarsi".

Intanto, si attende ora di capire come la chiesa intenda risarcire le vittime di pedofilia, e se queste ultime accetteranno di esserlo

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia, 3.000 pedofili nella Chiesa cattolica a far data dal 1950

Moda, commissariata la Giorgio Armani Operations: accuse di caporalato a opifici in Lombardia

Usa, Donald Trump paga 175 milioni di dollari di cauzione per evitare la confisca dei suoi beni