ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Pedofilia, ex sacerdote a processo: "Abusi su 4-5 bambini alla settimana"

euronews_icons_loading
Pedofilia, ex sacerdote a processo: "Abusi su 4-5 bambini alla settimana"
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Nel luglio scorso il tribunale ecclesiastico ha deciso di applicare la massima pena prevista per un caso del genere, cioè la destituzione dallo stato clericale. Adesso, per l'ex sacerdote e cappellano scout della diocesi di Lione, Bernard Preynat, 74 anni, accusato di abusi su minori tra il 1971 e il 1991, è iniziato un nuovo processo davanti ai giudici del tribunale penale.
All'udienza erano presenti 15 parti civili, tra cui 10 vittime delle attenzioni del religioso.

Per 20 anni ha compiuto abusi su più ragazzi durante la settimana:

Abusi su quattro-cinque bambini a settimana, in particolare nei week end, durante i campi scout
dalla testimonianza dell'ex sacerdote Bernard Preynat

Valérie Gauriat, per Euronews, ha raccolto la testimonianza dell'imputato davanti alla corte: "Sono sbalordito da quello che ho appena sentito e me ne pento - ha detto - È con queste parole che Bernard Preynat ha reagito alla testimonianza di François Devaux, portavoce dell'associazione "La parole libérée" da cui tutto ha avuto inizio quattro anni fa".

Nei tweet dell'associazione "La parole libérée" il retweet:

"Non sa se aveva dei criteri per "scegliere" le sue vittime. Tutto ciò che sa è che non è mai stato attratto da un uomo o da una donna adulti. #Preynat

Sulle costrizioni che esercitava sui bambini, è comprensibile che fosse molto vago. "Mi sembrava erroneamente che fossero consenzienti". Aveva detto durante l'interrogatorio che alcuni bambini erano "complici" durante i fatti. #Preynat".

"Sconfessato l'estate scorsa da un tribunale ecclesiastico, Preynat non ha mai negato i fatti e ha nuovamente ammesso la sua colpa. Tuttavia, l'ex sacerdote ha anche detto che all'epoca non si rendeva conto del significato delle sue azioni, che hanno segnato per sempre la vita delle vittime e delle loro famiglie. Ammissioni fatte prima di aggiungere che la sua responsabilità, oggi, è che questo non accada più. Questa è la posta in gioco in un processo che investe tutta la Chiesa cattolica, macchiata da scandali di abusi sessuali in tutto il mondo".

Bernard Preynat rischia fino a 10 anni di prigione.