ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Oscar 2021: 10 nomination per Mank. Italia in lizza con Matteo Garrone

euronews_icons_loading
Oscar 2021: 10 nomination per Mank. Italia in lizza con Matteo Garrone
Diritti d'autore  Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
Dimensioni di testo Aa Aa

Hollywood si prepara, pur con cautele e precauzioni dovute al Covid, alla notte degli Oscar 2021. E nel tempio sacro del cinema sale la febbre da statuette. L’Academy ha divulgato la lista delle nomination ufficiali della 93esima edizione prevista il 25 aprile, con ben due mesi di ritardo rispetto alla tradizionale tabella di marcia.

A primeggiare con una fitta lista di candidature il colosso dello streaming Netflix: 35 contro le 24 dello scorso anno. Due pellicole potrebbero aggiudicarsi il tanto ambito riconoscimento come "Miglior film": "Mank", "Il processo a Chicago 7". Agli Oscar concorreranno 70 donne per un totale di 76 nomination. E due registe donne hanno ottenuto la candidatura, prima volta nella storia quasi centenaria degli Academy Awards: sono Chloé Zhao e Emerald Fennell, rispettivamente per "Nomadland" e "Promising Young Woman".

Il trionfo dello streaming. Tre nomination per l'Italia

Numeri da record per "Mank", il film di David Fincher basato sulla realizzazione di "Quarto Potere", che ha fatto incetta di nomination (a quota 10) tra cui anche migliore attore protagonista (Gary Oldman) e migliore attrice non protagonista (Amanda Seyfried).

L’industria di Hollywood finalmente riconosce a chi se lo merita un posto in lizza, ci fa notare il noto critico cinematografico Clayton Davis. "E’ stato un anno storico e particolare, abbiamo due donne candidate come migliore regista. Chloé Zhao è quella con più nomination, ben quattro. Un record. Solo 4 colleghi uomini avevano raggiunto un traguardo.”

Nomination postuma per Chadwick Boseman, scomparso la scorsa estate a soli 44 anni, tra i candidati della categoria "miglior attore" per "Ma Rainley's Black Bottom", la cui co-protagonista Viola Davis rientra tra le candidate come miglior attrice. "

In lizza per la prima volta Riz Ahmed di "Sound of Metal", il primo musulmano candidato nella categoria "Best Actor" e un film della Tunisia: "The Man Who Sold His Skin" su un profugo tatuato che viene messo in mostra in gallerie d'arte, che gareggerà tra i migliori film internazionali contro rivali della Danimarca ("Another Round"), Hong Kong ("Better Days"), Romania ("Collective") e Bosnia Erzegovina ("Quo Vadis, Aida?"). "Judas and the Black Messiah" in corsa per Best Picture è il primo film candidato tra i migliori realizzato da un team di produzione di afro-americani, il regista Shaka King, Ryan Coogler e Charles D.King.

L'Italia spera in "Pinocchio" di Matteo Garrone (costumi e trucco) e Laura Pausini che ha avuto la nomination per la canzone "Io sì" di "La vita davanti a sé".