ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Parlamento europeo dichiara l'UE zona di libertà per i diritti LGBTQI

euronews_icons_loading
Il Parlamento europeo dichiara l'UE zona di libertà per i diritti LGBTQI
Diritti d'autore  DAMIEN MEYER/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre le campagne omofobe divampano in tutta Europa, i membri del Parlamento europeo hanno simbolicamente votato per denominare l'intera Unione europea una cosiddetta zona di libertà per le persone LGBTQI.

Il voto ha visto favorevoli 492 eurodeputati, 141 contrari e 46 astenuti.

La mossa arriva come reazione all'iniziativa di oltre 100 comuni in Polonia che si sono dichiarati zone libere dalle persone e dall'ideologia LGBT.

Gli eurodeputati allineati con il governo polacco continuano a difendere il loro diritto di limitare le libertà delle persone LGBT.

"Le nostre regioni sono assolutamente contrarie a questi funzionari ideologici che si presentano nelle scuole e raccontano loro idee assurde su una sorta di fluidità di genere. Tutto questo è contro la costituzione in Polonia e non è conforme alla carta dei diritti fondamentali", afferma Ryszard Antoni Legutko, eurodeputato conservatore polacco.

L'omicidio omofobo di una persona omosessuale in Belgio ha spinto il primo ministro a sventolare la bandiera arcobaleno fuori dalla sua residenza.

E se la pandemia ha impedito il gay pride, i gruppi per i diritti LGBT affermano che l'UE dovrebbe comunque agire con fermezza.

"Possono fare ciò che la Commissione europea ha iniziato a dire che avrebbe fatto, ovvero non inviare denaro e fondi dell'UE se non verranno utilizzati nel pieno rispetto e in conformità con i valori dell'UE", siggerisce Evelyne Paradis - Direttore esecutivo di ILGA-Europe.

L'anno scorso sei città polacche hanno rifiutato le sovvenzioni dell'UE per la loro posizione anti-LGBT. La lotta per i diritti LGBT nell'UE è destinata a continuare.