EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Tornano le tensioni in Siria, 18 morti per una mina a Hama e attacco di razzi nel Nord

Tornano le tensioni in Siria, 18 morti per una mina a Hama e attacco di razzi nel Nord
Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tornano le tensioni in Siria. Botta e risposta. 18 morti per una mina a Hama e attacco di razzi nel Nord, Le vittime viaggiavano in un bus. Damasco accusa l'Isis. Nel Nord missili colpiscono centro logistico petrolifero. I ribelli filo-turchi accusano Mosca

PUBBLICITÀ

Tornano le tensioni in Siria. Almeno 18 persone sono morte a cause dell'esplosione di due mine piazzate lungo una strada a Salamyiah, nella provincia di Hama.

Un bus ha urtato i due ordigni ed è esploso.

L'attacco è avvenuto in una zona controllata dal regime di Bashar al-Assad. 

Secondo Damasco è un attentato dei jihadisti dello Stato Islamico.

Si tratta dell'ulteriore indizio di un riacuttizzarsi della situazione siriana dopo l'attacco avvenuto nel tardo pomeriggio di sabato contro un centro logistico petrolifero di terra, nella parte settentrionale del Paese mesopotamico. Zona sotto il controllo dell'esercito di Ankara.

Nell'attacco hanno perso la vita quattro persone, tra cui un miliziano siriano filo-turco.

Le organizzazioni della guerriglia locale hanno accusato la Russia e Damasco, affermando che si è trattato di un attacco missilistico scatenato da navi russe e da batterie di terra dei militari fedeli ad Assad

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dalla Siria alla Libia: Turchia interventista ma sempre più isolata, un problema anche per Bruxelles

Siria: sopravvivere ad Al-Bab, tra ordigni inesplosi e la minaccia dell'ISIS

Siria: si vota nei territori controllati dal governo