This content is not available in your region

Covid, Boris Johnson: "Ecco il nostro viaggio di sola andata verso la libertà"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il premier britannico Boris Johnson
Il premier britannico Boris Johnson   -   Diritti d'autore  Leon Neal/Pool Photo via AP

Il Regno Unito, in lockdown dai primi di gennaio, ha presentato il suo piano per riaprire una volta per tutte il Paese. Il programma è supportato da una campagna vaccinale che procede a vele spiegate, con 18 milioni di somministrazioni effettuate. L'obiettivo è inoculare la prima dose a tutti gli adulti entro il 31 luglio, almeno un mese prima del previsto.

"Non dobbiamo più fare affidamento semplicemente su chiusure e restrizioni, mettendo le nostre vite in pausa", ha detto Boris Johnson, "Ogni giorno che passa questo programma di vaccinazione sta creando uno scudo per l'intera popolazione, il che significa che stiamo facendo un viaggio di sola andata verso la libertà".

Il piano del Premier comincerà con la riapertura delle scuole l'8 marzo, le ultime restrizioni saranno rimosse a fine giugno. Dal 17 maggio potrebbero essere riaperti gli stadi, con una capienza limitata a 10mila spettatori.

La linea del Paese è di iniettare la prima dose di vaccino al maggior numero possibile di persone, non conservando nell'immediato dosi per il richiamo. Questo sarà effettuato fino a 12 settimane dopo e non tre o quattro come si fa in altri Paesi. Una linea dei consulenti scientifici del governo britannico non condivisa da Pfizer, che ha dichiarato di non avere dati a supporto di questo intervallo.

La Slovacchia chiede aiuto all'UE

La Slovacchia, con i suoi circa cinque milioni e mezzo di abitanti, la scorsa settimana ha avuto 100 vittime giornaliere per Covid: sui sette giorni il maggior numero al mondo di morti in rapporto alla popolazione.

Per questo il ministro degli Esteri Ivan Korkok ha chiesto lunedì ai partner europei di ricevere in anticipo le dosi di vaccino.

Costa Azzurra in lockdown totale nel week-end

In Francia l'area più colpita è quella di Dunkerque, con oltre 900 contagi ogni 100.000 abitanti: a livello nazionale sono 190.

Preoccupano ancora più Nizza e il suo litorale, il cui tasso d'incidenza balzato sopra a 700, sta mettendo in difficoltà gli ospedali. Per questo la Costa Azzurra osserverà per 15 giorni un lockdown mirato in settimana e totale nel week-end.