ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tossì addosso a dei poliziotti urlando "corona": quattro mesi di prigione

Access to the comments Commenti
Di Euronews e AFP
L'ingresso dell'ospedale universitario di Aarhus.
L'ingresso dell'ospedale universitario di Aarhus.   -   Diritti d'autore  Van Norde Ernst/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

In Danimarca, un uomo è stato condannato a quattro mesi di prigione per aver tossito addosso ad un poliziotto gridando "corona".

Il sospetto è stato ritenuto colpevole di "tentata violenza" contro un pubblico ufficiale ed è stato condannato dalla Corte Suprema, giovedì 18 febbraio.

Nel mese di marzo, il ventenne stava tornando a casa da una festa di compleanno quando è stato fermato per un controllo di routine. All'epoca, nella città di Aarhus, così come in tutto il Paese, vigeva un semi-lockdown.

L'uomo si è messo ad urlare "corona", tossendo a distanza di appena 50 centimetri verso due agenti.

L'uomo si è giustificato dicendo di essere ubriaco, ma la polizia lo ha arrestato. Dopo il fermo, è risultato negativo al tampone.

Inizialmente condannato a tre mesi di reclusione (i procuratori hanno sostenuto che il gesto è paragonabile ad un "comportamento minaccioso"), la pena è stata aumentata di un ulteriore mese a causa di nuove disposizioni legislative, indica la Corte Suprema.

"Sia la violenza che altre forme di aggressione fisica [sono] menzionate nel codice penale", si legge in un comunicato della Corte. "Quest'ultima disposizione copre l'infezione da coronavirus".

Secondo Dimitrios Giannoulopoulos, capo del Dipartimento di Diritto alla Goldsmith's University di Londra, il caso mostra un eccesso di affidamento al diritto penale, quando invece si dovrebbe cercare di educare la popolazione.

In Danimarca, le autorità sperano di riaprire ampi settori della società facendo sottoporre milioni di persone a tampone due volte a settimana.

Mercoledì scorso, il governo del paese ha annunciato di aver acquistato 10 milioni di esemplari di un nuovo tipo di test rapido per rintracciare il nuovo coronavirus: trattasi di un tampone di cotone che viene inserito solo per pochi centimetri nel naso.

"Sono altrettanto validi ed accurati di quelli usati finora", ha detto il ministro della salute, Magnus Heunicke.

Tutti i negozi non essenziali sono chiusi nel paese, mentre è in vigore un divieto di raduni pubblici di più di cinque persone. Al momento, le autorità sanitarie hanno a che fare con un focolaio di variante britannica.

In Danimarca sono inoltre stati stanziati 8.5 miliardi di finanziamenti per scuole e università a sostegno di studenti e insegnanti colpiti dalla pandemia.