ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Trump sempre più solo: si dimette anche il Segretario alla Salute, Alex Azar

euronews_icons_loading
Trump sempre più solo: si dimette anche il Segretario alla Salute, Alex Azar
Diritti d'autore  Patrick Semansky/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Migliaia di soldati sono stati dispiegati per le strade di Washington, in vista dell'insediamento del neo presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, in programma mercoledì. La paura è che possa ripetersi quanto accaduto il 6 gennaio, con la rivolta dei sostenitori di Donald Trump e l'assalto al Campidoglio, costato la vita a cinque persone.

Analisti ed esperti di sicurezza mettono in guardia su possibili scontri e violenze nel giorno del giuramento del democratico.

Dimissioni a catena

Nel frattempo, un altro membro dell'amministrazione Trump abbandona il presidente, nei giorni durante i quali deve affrontare il secondo impeachment del suo mandato. Si tratta del Segretario alla Salute Alex Azar, che ha rassegnato le dimissioni dopo quanto accaduto al Congresso. Resterà in carica comunque fino al 20 gennaio.

"Sfortunatamente le azioni e la retorica seguite alle elezioni, soprattutto durante la scorsa settimana, minacciano di offuscare queste e altre eredità storiche di questa amministrazione", ha scritto il 53enne nella lettera di dimissioni. "Gli attacchi al Campidoglio sono stati un attacco alla nostra democrazia e alla tradizione di transizione pacifica del potere che gli Stati Uniti d'America hanno portato per primi nel mondo".

Azar è il quarto membro del gabinetto del presidente uscende a fare le valigie a causa dell'insurrezione del giorno dell'Epifania. Prima di lui l'avevano fatto anche la Segretaria ai Trasporti Elaine Chao, la Segretaria all'Istruzione Betsy Devos (fedelissima di Trump) e il segretario ad interim per la sicurezza interna Chad Wolf.

Il presidente con più esecuzioni federali

E il tycoon chiude il mandato con un nuovo triste record. Dustin Higgs, 48enne afroamericano condannato a morte per aver ucciso tre donne nel 1996, ha infatti ricevuto un'iniezione letale nel carcere di Terre Haute, nell'Indiana. Un tribunale aveva chiesto di rimandare l'esecuzione, dato che Higgs, affetto da Covid-19, avrebbe sofferto molto a causa delle condizioni dei suoi polmoni. Ma la Corte Suprema ha accolto il successivo ricorso del Dipartimento di Giustizia, dando il via libera all'iniezione letale.

E' la tredicesima esecuzione da luglio, da quando Trump ha ripreso le esecuzioni federali dopo 17 anni di moratoria. Nessun presidente in oltre 120 anni aveva supervisionato altrettante esecuzioni a livello federale.

Tra le 13 persone che negli ultimi sei mesi hanno ricevuto l‘iniezione letale nel penitenziario dell'Indiana, c'è anche Lisa Montgomery, prima donna in quasi 70 anni a essere giustiziata.