ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Spagna alle prese con una terza ondata

euronews_icons_loading
La Spagna alle prese con una terza ondata
Diritti d'autore  Jeff Chiu/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

La Spagna fa i conti con la terza ondata della pandemia, e gli ospedali tornano di nuovo in difficoltà. Il numero dei ricoverati in terapia intensiva è aumentato del 39 per cento rispetto a dicembre, e i nuovi casi positivi identificati in 24 ore hanno toccato il record dei 39.000. Il ministro della salute rinnova gli appelli a rispettare scrupolosamente le misure adottate da ogni regione autonoma. "E' l'unico modo che abbiamo per controllare il virus", dice. Nelle 17 regioni del paese è stato distribuito finora oltre un milione di dosi di vaccino. Il programma elaborato dal governo prevede di vaccinare 47 milioni di spagnoli entro la fine dell'anno in corso.

In Italia il regime di blocco sanitario resterà in vigore fino alla fine di aprile, dato che la tendenza all'aumento dei contagi non mostra rallentamenti. Inizialmente l'emergenza, che conferisce maggiori poteri al governo, anche in deroga alle norme in vigore, sarebbe dovuta terminare alla fine di gennaio.

Il Portogallo si prepara a irrigidire ulteriormente le norme in vigore, a partire da venerdi. Il premier Antonio Costa sintetizza cosi: "Restare a casa diventa la regola principale, che ognuno di noi dovrà applicare per proteggere se stessi e vincere la pandemia". Secondo gli esperti se si mettesse in atto un regime di blocco assoluto, ci vorrebbero almeno otto settimane per far scendere il tasso di contagio ai livelli di prima di Natale.

Record di decessi giornalieri in Gran Bretagna, che ha superato la soglia dei 1500, un picco mai raggiunto dall'inizio della crisi. Il dato preoccupa gli esperti, che lo leggono come un fallimento delle direttive politiche e delle attivitâ pratiche, e mette in difficoltà ulteriore il governo. Parlando davanti a una Commissione parlamentare, il premier Johnson è rimasto sul vago sul pericolo di una nuova variante.

"Stiamo prendendo provvedimenti per impedire che la variante brasiliana arrivi nel paese, e lo stesso stiamo facendo per la variante sudafricana. Lo stesso hanno fatto i francesi per proteggersi dalla variante scoperta nel Kent", ha detto il primo ministro.