ULTIM'ORA
This content is not available in your region

2020: l'anno della pandemia COVID-19 è stato anche il più caldo della storia

Copernicus
Copernicus   -   Diritti d'autore  Unión Europea. Servicio para el Cambio Climático.
Dimensioni di testo Aa Aa

Il cambiamento climatico si disinteressa delle pandemie. La rete europea Copernicus ha rivelato che il 2020 è stato, alla pari con il 2016, l' anno più caldo mai registrato a livello globale. Anche il continente europeo ha battuto ogni record, in gran parte a causa delle alte temperature che la Siberia ha registrato per la maggior parte dell'anno.

In Europa, le temperature hanno superato di 0,4 ºC il precedente record detenuto nel 2019, come rivelato dal C3S Climate Change Service di Copernicus, la rete di osservazione della Terra dell'Unione Europea. Gli ultimi sei anni sono stati i più caldi mai registrati.

Copernicus
ImageCopernicus

Questa successione di record preoccupa la scienza, che vede prove inconfutabili di un riscaldamento globale più veloce di quanto previsto fino ad oggi.

Da notare che il 2016 è stato segnato da un episodio del fenomeno El Niño, che tende ad aumentare le temperature. Al contrario, l'anno 2020 è stato segnato dal raffreddamento della Niña ma non è bastato a ridurre la media globale ed entrambi gli anni finiscono alla pari nel calcolo globale. Senza questi eventi meteorologici, il 2020 sarebbe stato molto più caldo del 2016.

La Spagna batte il record storico di freddo con -35 ° C nella provincia di León

È anche sempre più chiaro alla comunità scientifica che questa successione di record di temperatura globali e regionali sono la conseguenza dell'attività umana e delle emissioni di gas serra. Ebbene, nonostante gli sforzi e il rallentamento dell'economia globale a causa dei confini legati al COVID-19, abbiamo continuato ad aumentare le emissioni di CO2. È stato notato che l'aumento su base annua è leggermente inferiore a quello del 2019 rispetto al 2018.

L'anno 2020 è stato di 1,25 ° C sopra la media dell'era preindustriale, il che significa che siamo sull'orlo del limite di 1,5 ° C fissato dalle potenze mondiali nell'accordo di Parigi. Gli esperti ritengono che da questo livello di aumento della temperatura inizieranno a verificarsi drastici cambiamenti nel clima globale. A partire dai 2 ° C si temono conseguenze catastrofiche.

Se gli impegni di riduzione delle emissioni vengono mantenuti, i modelli attuali prevedono un riscaldamento globale compreso tra 2,8 ° C e 3,2 °.

Riscaldamento globale? Con questo freddo?

In luoghi come la Spagna, che ha appena superato il record di basse temperature, con -35,8 ° C la cosa sembrare inconcepibile, ma il riscaldamento globale non è incompatibile con periodi di freddo estremo, anzi. I climatologi concordano sul fatto che il cambiamento climatico indotto dall'uomo corre il rischio di moltiplicare gli estremi meteorologici di tutti i tipi modificando i modelli meteorologici.

In effetti, il freddo che attanaglia tutta l'Europa in questi giorni, è dovuto in parte al fatto che la regione artica sta registrando temperature molto più alte della media normale per questo periodo dell'anno.

Questo episodio è proprio guidato da un anormale riscaldamento stratosferico nell'Artico, che ha spostato il vortice polare, la corrente di aria fredda che normalmente circola al Polo Nord, verso l'Europa e gli Stati Uniti occidentali.

Inoltre, in Spagna questo freddo polare si è aggiunto all'arrivo della tempesta Filomena.

Il dottore in fisica e meteorologo di Eltiempo.es Mar Gómez spiega che una delle teorie più diffuse è che il riscaldamento globale stia provocando alterazioni nella corrente a getto, che regola il clima del pianeta. "L'aumento termico, soprattutto nell'Artico rispetto ai tropici, sta facendo rallentare questa corrente e diventare più ondulata.

Ciò implica che possiamo avere incursioni di aria fredda più gravi in ​​inverno, ma anche ondate di calore più intense e prolungate durante l'estate ", dice.

Il cambiamento climatico non comprende le pandemie. La rete europea Copernicus rivela oggi che il 2020 è alla pari con il 2016 come anno più caldo mai registrato a livello globale. Da parte sua, il continente europeo ha vissuto di gran lunga l'anno più caldo della storia, in gran parte a causa delle alte temperature che la Siberia ha registrato per la maggior parte dell'anno.

In Europa, le temperature hanno superato di 0,4 ºC il precedente record detenuto nel 2019, come rivelato dal C3S Climate Change Service di Copernicus, la rete di osservazione della Terra dell'Unione Europea. Gli ultimi sei anni sono stati i più caldi mai registrati.

È proprio questa successione di record, in questi anni a venire, che più preoccupa la scienza, che vede prove inconfutabili di un riscaldamento globale più veloce di quanto previsto fino ad oggi.

La Spagna batte il record storico di freddo con -35 ° C nella provincia di León

È anche sempre più chiaro alla comunità scientifica che questa successione di record di temperatura globali e regionali sono la conseguenza dell'attività umana e delle emissioni di gas serra. Ebbene, nonostante gli sforzi e il rallentamento dell'economia globale a causa dei confini legati al COVID-19, abbiamo continuato ad aumentare le emissioni di CO2. È stato notato che l'aumento su base annua è leggermente inferiore a quello del 2019 rispetto al 2018.

L'anno 2020 è stato di 1,25 ° C sopra la media dell'era preindustriale, il che significa che siamo sull'orlo del limite di 1,5 ° C fissato dalle potenze mondiali nell'accordo di Parigi. Gli esperti ritengono che da questo livello di aumento della temperatura inizieranno a verificarsi drastici cambiamenti nel clima globale. A partire dai 2 ° C si temono conseguenze catastrofiche.

Se gli impegni di riduzione delle emissioni vengono mantenuti, i modelli attuali prevedono un riscaldamento globale compreso tra 2,8 ° C e 3,2 °.

Anomalia della temperatura nell'emisfero settentrionale. Il Polo sta vivendo un riscaldamento anomalo che sposta il vortice polare a sud (Europa e Stati Uniti) Climate Reanalyzer

L'esperta in fisica e meteorologa di Eltiempo.es Mar Gómez spiega che una delle teorie più diffuse è che il riscaldamento globale stia provocando alterazioni nelle correnti, che regolano il clima del pianeta. "L'aumento termico, soprattutto nell'Artico rispetto ai tropici, sta facendo rallentare questa corrente e diventare più ondulata.

Ciò implica che possiamo avere incursioni di aria fredda più gravi in ​​inverno, ma anche ondate di calore più intense e prolungate durante l'estate ", dice.

Anche se ricorda anche che devi differenziare la climatologia dal tempo, la meteorologia quotidiana. "Mi piace dire che il tempo è come la nostra personalità (più robusto nel tempo) e il tempo è come l'umore, che oscilla ogni giorno. Poiché abbiamo una tendenza al riscaldamento non significa che non abbiamo situazioni specifiche in cui ci sono eventi Nulla ci impedisce di avere per il momento episodi significativi di nevicate o addirittura inverni rigidi, ma l'andamento generale rimane lo stesso.

Anche gli incendi australiani sono stati drammatici, senza dimenticare quelli che hanno funestato all'inizio dell'anno e questo autunno la California e altri stati della costa occidentale degli Stati Uniti.

La superficie del ghiaccio marino dell'Oceano Artico è stata ai minimi storici in vari periodi dell'anno, ma non ha superato il record del 2012.

In Antartide, invece, il ghiaccio si sta riprendendo, seppur molto lentamente, dal minimo storico raggiunto nel 2016.