ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Verso un lockdown più duro in tutta Europa

euronews_icons_loading
Verso un lockdown più duro in tutta Europa
Diritti d'autore  Martin Schutt/(c) dpa-Zentralbild
Dimensioni di testo Aa Aa

La Francia prova ad accelerare la campagna di vaccinazione contro il coronavirus, superando i ritardi riscontrati nella prima settimana. In questo periodo di tempo sono stati somministrati appena 5000 vaccini in tutto il paese, dove secondo un sondaggio sei persone su dieci dicono di non volersi vaccinare. Le autorità lavorano all'ampliamento dei centri abilitati e alla possibilità di prenotare via app.

In Spagna potrebbe scendere in campo l'esercito per sostenere gli sforzi rivolti a vaccinare il più largo numero di cittadini nel minor tempo possibile. Le procedure vanno a rilento soprattutto a Madrid, dove sarebbe stato somministrato solo il 6 per cento delle dosi disponibili, e l'esercito ha già garantito la propria attività sin dall'inizio della pandemia.

Misure di blocco più rigide in Germania, dove si torna, fino alla fine di gennaio, al regime imposto nella prima ondata di contagi. Proibiti gli spostamenti in un raggio superiore a 15 chilometri dalla residenza; la norma si applica ai comuni con più di 200 nuovi contagi ogni 100.000 abitanti.

La cancelliera Merkel, intervenendo in tv, si è nuovamente rivolta ai cittadini tedeschi, sottolineando che nei mesi invernali la pandemia potrà infierire con più virulenza, per la concomitanza di influenza stagionale, covid-19 e sue versioni mutate. "È indispensabile poter risalire alla catena di contagio", ha detto.

Verso un lockdown rigido anche la Gran Bretagna. A Londra le strade dello shopping restano deserte, mentre il primo ministro Boris Johnson, rimangiandosi le assicurazioni dei giorni precedenti, ha disposto la chiusura delle scuole, per il sollievo di insegnanti e genitori che lo chiedevano da tempo.

Boris Johnson, primo ministro britannico: "Più del due per cento della popolazione è ora contagiato, cioè più di un milione di persone. Potete essere certi che il governo stia usando ogni singolo secondo di questo periodo di isolamento per creare uno scudo invisibile attorno agli anziani e alle persone vulnerabili".