EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Romania cerca premier

Florin Citu, ministro delle Finanze uscente
Florin Citu, ministro delle Finanze uscente Diritti d'autore Andreea Alexandru/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Andreea Alexandru/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di Eloisa Covelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Potrebbe tornare al potere il partito liberale, ma con un diverso leader

PUBBLICITÀ

Si tratta per cercare una coalizione di governo in Romania a una settimana dalle elezioni.

Il Partito nazionale liberale (PNL), conservatore ed europeista, del premier uscente Ludovic Orban - pur non essendo il primo partito - potrebbe tornare al governo ma con un leader diverso.

Circolano i nomi dell'ecomista Florin Citu e dell'ex premier Dacian Cioloş, ora capogruppo di Renew Europe nell'Europarlamento.

"Per noi va bene sia Ludovic Orban che Florin Citu. Ma l'Unione per salvare la Romania (USR) ha comunicato di non accettare il primo ministro uscente, perciò la soluzione sembra lontana", dice Hunor Kelemen, il leader di UDMR, il partito che rappresenta la minoranza degli ungheresi.

Il presidente della Romania, Klaus Iohannis, ha fatto sapere che ci vorrà almeno un altro giro di consultazioni per risolvere l'impasse.

Dalle elezioni, segnate da un forte astensionismo, la maggioranza relativa è andata al partito socialista, che però non trova alleati di governo, perché gli altri partiti lo ritengono poco democratico e sovranista. I socialisti n Romania sono stati travolti da un'inchiesta sulla corruzione, il loro capo storico, Liviu Dragnea, è tuttora detenuto per frode elettorale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Basta carbone: la Romania prova a ricaricare l'elettricità dell'Europa

Romania, 5 anni dopo l'incendio del nightclub Colectiv è ancora una ferita aperta

Covid-19 in Romania: dopo la riapertura delle scuole e le elezioni, il peggio è passato?