ULTIM'ORA
This content is not available in your region

ONU: "Paesi dichiarino lo stato di emergenza climatica"

Di Euronews
euronews_icons_loading
AFP
AFP   -   Diritti d'autore  John Thys/AFP or Licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, esorta i leader mondiali a dichiarare uno "stato di emergenza climatica", per accelerare le misure di contrasto all’effetto serra.

All'apertura del vertice virtuale sull'ambizione per il clima, il Diplomatico lusitano avverte che gli attuali impegni presi dalle Nazioni sono insufficienti nell'ottica di limitare l'aumento della temperatura a 1,5 gradi.

"Qualcuno può ancora negare che stiamo affrontando un'emergenza drammatica? - dice - Ecco perché invito tutti i leader mondiali a dichiarare lo stato di emergenza climatica nei loro Paesi, sin quando non sarà raggiunta la neutralità delle emissioni di anidride carbonica".

Il vertice sul clima fa il punto sugli impegni dei Governi, a cinque anni esatti dalla firma dell’Accordo di Parigi.

L’Unione europea, proprio in questi giorni, ha concordato la riduzione delle emissioni entro il 2030.

Yoan Valat/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoYoan Valat/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

"Dobbiamo tutti aumentare i nostri obiettivi per il 2030, come deciso in Europa, arrivando almeno al 55% - afferma Emmanuel Macron, Presidente francese - dobbiamo incamminarci tutti sulla strada della neutralità carbonica entro il 2050: è un dovere per i Paesi più vulnerabili del pianeta, che oggi vivono le conseguenze degli errori del passato, è un dovere per i nostri giovani e per le generazioni future".

Pur essendosi chiamati fuori dall’accordo con Trump, anche gli Stati Uniti si sono impegnati a rientrarvi, una volta insediata l'Amministrazione Biden.

Tra gli annunci presentati al vertice, spicca quello del Governo britannico, che metterà fine ai finanziamenti a favore di progetti esteri sui combustibili fossili.