EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Olanda: Babbo Natale e i suoi aiutanti di colore. Una tradizione che divide

Olanda: Babbo Natale e i suoi aiutanti di colore. Una tradizione che divide
Diritti d'autore Peter Dejong/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Peter Dejong/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Di Stefan de Vries
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

È la festa di babbo Natale, ma al poto degli elfi, qui ci sono aiutanti di colore. Per molti questa è una tradizione razzista che deve cambiare

PUBBLICITÀ

ULTIM'ORA: L'edizione 2020 è stata annullata per ragioni di covid. 

Per i bambini olandesi, l'arrivo di Sinterklaas (Babbo Natale) è il momento più felice dell'anno. Ma per molti, i suoi assistenti, i Black Pete dalla faccia nera, sono offensivi e dovrebbero scomparire il prima possibile.

Così una donna: : “Pensiamo che Black Pete sia razzista. Vogliamo che cambi, che sia una festa per tutti ".

A volte i manifestanti si scontrano con i difensori di Black Pete.

un uomo afferma: "Questa festa per bambini esiste da secoli. È una tradizione olandese e vogliamo mantenerla".

Una delle figure chiave delle proteste contro Black Pete è Akwasi, famoso rapper e poeta olandese: “I Black Pete sono visti come inferiori. Hanno facce nere. È una festa, ma ormai appartiene a un Museo. Fa parte del passato, non di oggi".

Un video (in inglese) che spiega la tradizione

La città di Amsterdam ha chiesto a un esperto di Sinterklaas come modernizzare la festa dei bambini. Il suo ragionamento è semplice. Dice Pam Evenhuis, consulente di Sinterklaas Amsterdam City: “Ad Amsterdam ci sono circa 120/150.000.000 bambini. Circa il 40% è come me, bianco caucasico. Ora Sinterklaas è di tutti. Se le persone sono disturbate dalla presenza di Zwarte Piet (Black Pete), del servitore nero, dovremmo cambiarlo. "

Continua Akwasi: "Non si tratta solo di vernice nera, ma anche di labbra rosse, di capelli ricci. Si tratta davvero di stereotipi. Le persone non hanno idea di quanto sia offensivo. Eppure molti la considerano una tradizione che deve restare com'è. "

Per porre fine a questi stereotipi per sempre, Evenhuis ha riscritto la storia di Sinterklaas. Ha inventato il Chimney Pete. È stato un successo poiché la sua idea è stata rilevata da molti: "Nel 2014 il 90% degli olandesi rifiutava di cambiare Black Pete. Oggi, grazie anche all'influenza di BLM le cose son cambiate. Fra 5 o 10 anni sono convinto che tutti ameranno Chimney Piete e lo chiameremo semplicemente Pete".

Dopo molti secoli, gli olandesi stanno finalmente salutando Black Pete. Per i bambini di tutte le razze, la festa è appena iniziata.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olanda, protesta razzista contro l'assistente di San Nicola

La mostra '100 presepi in Vaticano': "È un segno di speranza"

Kosovo: un tribunale dell'Aja condanna membro Uck a 18 anni di reclusione per crimini di guerra