ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Kosovo: cosa rischia l'ex presidente del Kosovo ed ex guerrigliero Thaci

Copyright
Copyright   -   Diritti d'autore  Visar Kryeziu/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

L'ex presidente del Kosovo Hashim Thaci ha fatto la sua prima apparizione lunedì davanti a un giudice al tribunale speciale nei Paesi Bassi, accusato di crimini di guerra e crimini contro l'umanità.

Leader della guerriglia dell'Uck durante la guerra del Kosovo per l'indipendenza dalla Serbia negli anni '90, Thaci, 52 anni, si è dimesso giovedì dall'incarico.

“Collaborerò strettamente con la giustizia. Credo nella verità, nella riconciliazione e nel futuro del nostro paese e della società. Pertanto oggi, più che mai, vi invito a non perdere la speranza, la pazienza e la fede ”, ha detto Thaci in una conferenza stampa a Pristina.

Ha affermato che voleva proteggere il suo paese da quelli che chiamava tentativi di riscrivere la storia. "Il Kosovo è stato la vittima. La Serbia è stata l'aggressore".

Il procuratore internazionale ha incriminato Thaci e altri ex leader della guerriglia con 10 accuse di crimini contro l'umanità e crimini di guerra per la sua leadership di combattenti dell'Esercito di liberazione del Kosovo che sono accusati di imprigionamento illegale, abuso e assassinio di oppositori catturati e percepiti traditori durante la guerra.

Thaci nega qualsiasi illecito.

L'ex presidente giovedì ha lasciato il Kosovo per l'Aia a bordo di un aereo cargo militare decollato da un aeroporto della NATO fuori dalla capitale, Pristina.

Le altre due persone che si ritiene siano state accusate di crimini simili e che si trovavano anch'esse sullo stesso aereo. Sono l'ex portavoce del parlamento del Kosovo e capo del Partito Democratico del Kosovo, Kadri Veseli, e un membro del partito di opposizione Vetëvendosje, Rexhep Selimi. I due uomini sono anche ex membri dell'UCK.

Nella guerra della propaganda incrociata quelli dello UCK si vedono come eroi

Cos'era lo UCK?

L'Esercito di liberazione del Kosovo (KLA; albanese: Ushtria Çlirimtare e Kosovës) era una milizia separatista di etnia albanese che ha cercato la separazione del Kosovo dalla Repubblica Federale di Jugoslavia e dalla Serbia con l'obiettivo della creazione della Grande Albania. Questo a causa della presenza di una vasta maggioranza etnica di albanesi nella regione.

Ci sono state accuse di aver utilizzato il narcoterrorismo per finanziare le operazioni. Abusi e crimini di guerra sarebbero stati commessi dall'UCK durante e dopo il conflitto, come anche massacri di civili, campi di prigionia e distruzione di siti del patrimonio culturale. Nell'aprile 2014, l'Assemblea del Kosovo ha considerato e approvato l'istituzione di un tribunale speciale per processare casi riguardanti crimini e altri gravi abusi presumibilmente commessi nel 1999-2000 da membri dell'UCK. Nel giugno 2020 le Camere specialistiche del Kosovo e l'Ufficio del procuratore specializzato hanno accusato di crimini contro l'umanità e crimini di guerra una serie di ex membri dell'UCK, tra cui il presidente del Kosovo Hashim Thaçi

L'arresto

Di ritorno in Kosovo, funzionari della Procura speciale hanno fatto irruzione nella sua casa vicino alla capitale Pristina e in quelle delle altre persone incriminate.

Durante l'apparizione in tribunale lunedì, un giudice preprocessuale si assicurerà che i diritti di Thaci siano rispettati e che comprenda le accuse, ha affermato in una dichiarazione il tribunale delle Camere specialistiche del Kosovo.

La maggior parte delle persone che morirono nella guerra del 1998-1999 in Kosovo erano di etnia albanese, con 1.641 persone ancora disperse. Una campagna aerea della NATO di 78 giorni contro le truppe serbe ha posto fine ai combattimenti.