ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il mondo musulmano contro Emmanuel Macron

euronews_icons_loading
Il mondo musulmano contro Emmanuel Macron
Diritti d'autore  Achmad Ibrahim/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Bangladesh

Questo lunedì oltre 50.000 mila persone hanno preso parte a Dhaka a manifestazioni contro il presidente Macron. Le proteste contro il diritto rivendicato dal capo di stato di mostrare ancora le vignette dedicate al profeta Maometto la cui rappresentazione è vietata nella tradizione musulmana. Le persone chiedevano più boicottaggi contro i prodotti francesi.

Indonesia

Stesse scene e stessa rabbia in Indonesia dove diverse migliaia di persone hanno marciato verso l'ambasciata francese nella capitale Jakarta. Polizia e soldati sono rimasti fermi intorno all'edificio mentre le autorità hanno bloccato le strade. Anche qui i manifestanti hanno anche gridato "Boicotta i prodotti francesi" mentre marciavano.

Eppure Macron, sabato scorso aveva cercato di spiegare il punto di vista francese in una intervista fiume alla rete al Jazeera.

Emmanuel Macron: "Queste caricature, toccano tutte le religioni, tutte. Non ci sono disegni destinati specialmente contro una certa religione. Nella società abbiamo bisogno del rispetto reciproco tra le persone ma non è mio ruolo di Presidente limitare questo diritto alla libera espressione perché alcune persone sono scioccate da qualcosa. Se lo facessi imporrei al Paese un ordine morale o religioso ".

Parole che non hanno suscitato l'effetto sperato. Nel frattempo, la Francia ha rafforzato la sicurezza dopo che tre persone sono state uccise in un attacco all'arma bianca in una chiesa di Nizza giovedì - l'ultimo di diversi attacchi attribuiti ad estremisti islamici. Un attacco che ha reso tesi i rapporti anche fra Parigi e Roma visto che il terrorista, in provenienza dalla Tunisia, era passato da Bari ed aveva attraversato la penisola indisturbato fino a mettere a segno il suo progetto