ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Islam e blasfemia, Macron getta acqua sul fuoco

euronews_icons_loading
Islam e blasfemia, Macron getta acqua sul fuoco
Diritti d'autore  Binsar Bakkara/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Il presidente francese Emmanuel Macron prova a gettare acqua sul fuoco delle polemiche scatenategli contro da una parte del mondo arabo in coda alle dichiarazioni sul diritto alla blasfemia che il capo dello stato rivendica per il suo paese, e lo ha fatto con un'intervista ad al-Jazeera

"Le reazioni del mondo musulmano, credo che siano dovute prima di tutto a molte menzogne e alla manipolazione di cui ho parlato, e al fatto che la gente è stata indotta a credere che ero favorevole a queste caricature".

"Posso capire che la gente possa essere scioccata dalle caricature, e ne rispetto la reazione, ma non accetterò mai che la violenza possa essere giustificata da queste vignette e difenderò sempre nel mio Paese la libertà di parlare, di scrivere, di pensare, di disegnare".

A mettere Macron sul banco degli accusati ci aveva pensato il presidente turco Erdogan, che oltre a mettere in dubbio la salute mentale dell'inquilino dell'Eliseo, ha lanciato una campagna per il boicttaggio dei prodotti francesi.

"È una iniziativa indegna e la condanno. Ma viene da gruppi privati che non hanno capito la questione e si sono basati sulle menzogne e gli insulti arrivati a volte perfino da altri leaders. Questo è inaccettabile".

Dopo la decapitazione del docente che aveva discusso in classe le vignette su Maometto e le aspre reazioni, il Consiglio nazionale di Difesaha disposto l'innalzamento delle misure di sicurezza attorno a tutte le rappresentanze francesi all'estero.