ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Grecia attende la sentenza del processo ad Alba Dorata

euronews_icons_loading
La Grecia attende la sentenza del processo ad Alba Dorata
Diritti d'autore  euronews/Panos Kitsikopoulos
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono passati oltre 5 anni da quando è cominciato il processo al partito di estrema destra greco, Alba Dorata. Ora la magistratura è chiamata ad inquadrare definitiamente i crimini a sfondo politico commessi da diversi appartententi al partito fondato nel 1993 e salito alla ribalta in corrispondenza della crisi economica del Paese.

Sull'onda della rabbia collettiva, l'ingresso nel Parlamento greco di Alba dorata nel 2012 è stato visto come la conseguenza del collasso finaziario del 2010 e della crisi dei migranti, cosa vera solo in parte.

Il movimento di estrema destra di Nikos Mihaloliakos’ si è evoluto in partito politico e ha cavalcato temi che che non si sentivano da anni nel Paese.

Sette anni dopo, la leadership del partito è l'imputato nel più importante processo nazista dai tempi di Norimberga. Dopo le elezioni del 2019, Alba Dorata ha perso tutti i suoi seggi parlamentari e da allora i suoi funzionari hanno abbandonato il partito.

L'avvocato dell'accusa, Thanasis Kamoagiannis, afferma che questo processo, insieme agli eventi che vi ci hanno condotto, ha strappato la maschera della rispettabilità ad Alba Dorata: “La società greca si è trasformata attraverso questo processo. Ha imparato molto. Ha capito quale ruolo hanno il razzismo e la xenofobia nella creazione di tali organizzazioni fasciste e del fenomeno nazista. Possiamo dire che le api hanno vinto contro i lupi ”.

La presenza parlamentare del partito è stata vista da alcuni dei suoi seguaci come una scusa legittima per l'uso della violenza verbale o fisica contro oppositori e migranti. Ufficialmente, il partito ha affermato che si trattava di incidenti isolati, non organizzati centralmente. Ha anche affermato che gli attacchi contro i suoi uffici locali e l'omicidio di due dei suoi membri nel novembre 2013 erano la prova che Alba Dorata era stata presa di mira dal sistema contro cui sarebbe stata eletta per combattere."

Solo due mesi prima di quegli omicidi, il rapper antifascista KillahP, alias Pavlos Fyssas, è stato pugnalato a morte da una squadra d'attacco di Alba Dorata. E proprio quest'ultimo omicidio è quello che ha fatto scattare l'attivazione della macchina della giustizia.

Panos kitsikopoulos, ad Atene per Euronews, spiega che: "Il 18 settembre 2013, Pavlos Fyssas è stato ucciso proprio in questo punto. È caduto vittima dell'incitamento all'odio, dell'ideologia e della pratica dell'odio di Alba Dorata. Alcuni hanno detto che era un omicidio prevedibile. In ogni caso, è stato ciò che ha innescato una valanga, che ha portato il partito neonazista greco davanti alla giustizia "