ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Africa delle paci armate: i casi di Sudan e Libia

euronews_icons_loading
Armi in Sudan
Armi in Sudan   -   Diritti d'autore  ASHRAF SHAZLY/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Pace raggiunta, almeno sulla carta, dopo 17 anni di guerra civile in Sudan. Ma lo storico accordo tra governo e buona parte dei gruppi ribelli, celebrato in piazza a Juba dopo l'ultima firma, rischia di diventare carta straccia se i dissidenti non consegneranno le armi.

Small Arms Survey, organizzazione di ricerca con sede a Ginevra, calcola che nel 2017 in Sudan ci fossero oltre 2 milioni e mezzo di armi detenute illegalmente. Già prima della firma dell'intesa, l'esercito sudanese aveva lanciato una campagna di disarmo di massa, facendo saltare in aria migliaia di fucili, mitragliatrici, granate e ordigni vari, raccolti dai civili e fatti detonare in un'enorme esplosione nel deserto.

"La gente deve essere rassicurata sul fatto che il governo è in grado di garantire la pace e la sicurezza dei suoi cittadini", ha dichiarato Gibril Ibrahim, comandante del movimento ribelle 'Giustizia e Uguaglianza' (Jem).

La pace armata è stata resa possibile dopo la destituzione del presidente Omar al-Bashīr nell'aprile del 2019: il governo di transizione ha fatto della fine dei conflitti una priorità.
La Corte penale internazionale ha accusato al-Bashīr di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra nel Darfur. L'ex presidente è già stato condannato per corruzione, ed è attualmente sotto processo nella capitale Khartoum per il colpo di stato del 1989, che lo ha portato al potere.

Libia, procedono i negoziati

A piccoli passi, ma la direzione è quella giusta e passa per il Marocco. La pacificazione delle fazioni in Libia non è dunque più così lontana: il dialogo inter-libico, in corso nella località marocchina Bouznika, tra le delegazioni dell’Alto Consiglio di Stato del governo d’accordo nazionale e il Parlamento di Tobruk, comincia a incassare i primi risultati. In particolare, secondo quanto riportano media arabi, le delegazioni hanno trovato un “accordo definitivo “sui criteri per la scelta delle massime cariche dello stato.

La sessione di negoziati è stata decisa dopo l’annuncio dello scorso 21 agosto di un cessate-il-fuoco tra il premier del governo di accordo nazionale, Faeyz al Serraj, ed il presidente della Camera dei Deputati di Tobruk, Aguila Saleh , alleato del generale Khalifa Haftar rivale di Serraj.

Anche la mediazione del Marocco è stata salutata con favore, sia dai libici che dagli alleati esterni, Turchia e Qatar per il Al Serraj e Egitto, Emirati Arabi Uniti e Russia per Haftar.