ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Perché Donald Trump è diventato il nuovo simbolo dell'estrema destra tedesca?

Trump sulla bandiera di un estremista di destra fuori dal Reichstag nell'agosto 2020
Trump sulla bandiera di un estremista di destra fuori dal Reichstag nell'agosto 2020   -   Diritti d'autore  Christophe Gateau/DPA
Dimensioni di testo Aa Aa

È il 29 agosto 2020 a Berlino. Una bandiera nera bianca e rossa sventola sopra un gruppo di manifestanti.

Sullo sfondo c'è nientemeno che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che dà il pollice in alto. Questa non è l'unica immagine di Trump alla manifestazione - non è presente solo sulle bandiere, ma anche su magliette e striscioni.

Migliaia di persone si sono riunite per protestare contro le misure in atto per combattere la pandemia COVID-19. Molti dei manifestanti credono che il coronavirus non esista e lanciano in giro teorie su dittatura e comunismo, i volti parzialmente nascosti da maschere obbligatorie.

Su un palco di fronte al Reichstag - l'edificio del parlamento tedesco - si trova l'attivista Tamara K. È vestita di nero dalla testa ai piedi, con occhiali da sole neri sugli occhi, i dreadlock le pendono sciolti sulle spalle.

"Trump è a Berlino, l'intera ambasciata è chiusa, abbiamo quasi vinto", grida K nel suo microfono. I manifestanti esultano. "Dobbiamo ora dimostrare che siamo qui. Eserciteremo i nostri diritti oggi, qui e ora", mormora K alla folla. Poi invita i manifestanti a sedersi sui gradini del Reichstag, per mostrare a Trump che "ne hanno abbastanza". Circa 400 manifestanti sfondano le barriere e riempiono i gradini del Reichstag.

Cospirazione e populismo

Sebbene questa fosse disinformazione e Trump non fosse a Berlino in questa data, il leader degli Stati Uniti è diventato una figura simbolica alle manifestazioni contro le normative sul coronavirus in Germania - ciò che a prima vista potrebbe sembrare strano agli estranei non sorprende Dana Buchzik, un'esperta di teorie del complotto e radicalizzazione.

Spiega a Euronews perché l'uso dell'immagine di Trump da parte dei manifestanti non le sorprende: "Le teorie del complotto e il populismo vanno bene insieme. I populisti, proprio come i teorici della cospirazione, non accettano alcuna interpretazione della realtà diversa dalla loro. Cancellano le loro critiche. bugiardi e criminali. Mettono in discussione le strutture democratiche e proclamano grandiose promesse di salvezza. E hanno successo proprio perché non offrono soluzioni realistiche, ma forniscono parole d'ordine ", spiega Buchzik.

Georg Restle, redattore capo della rivista politica tedesca Monitor, ha detto nel talk show Maischberger. die Woche all'inizio di settembre che Trump è un modello "per molte persone qui in Europa, anche per i populisti di destra, compresi quelli che sono attualmente sulle scale del palazzo del Reichstag".

Restle alludeva, tra le altre cose, alla bandiera nera bianca e rossa che salta fuori, ancora e ancora, durante le proteste. Il cosiddetto "Reichsflagge" è stato utilizzato per la prima volta nell'impero tedesco e successivamente utilizzato dal partito nazista.

Chi sono i "Reichsbürger"?

Oggi è volato dal cosiddetto "Reichsbürger", che può essere tradotto come "cittadini dell'impero", che non riconoscono legittimo lo stato tedesco. Affermano che non c'è mai stato un vero trattato di pace dopo la seconda guerra mondiale e quindi non riconoscono le leggi. Alcuni hanno persino creato i propri "stati" in Germania con le proprie leggi.

Il Reichsbürger vuole concludere un trattato di pace con la Russia e gli Stati Uniti e crede che l'attuale élite di potere tedesca dovrebbe essere rovesciata. Questo è il motivo per cui, ai loro occhi, Trump è un eroe che resiste all'élite e si sforza di salvare le persone.

"Cospiratori e populisti sono maestri di insinuazioni criptiche. Le loro frasi sono inviti. La vera storia appare solo nella mente di chi accetta questo invito. È una storia eroica: il credente diventa un protagonista eroico che si oppone a un'élite corrotta e quindi salva il mondo ", spiega Buchzik.

Secondo il ministero dell'Interno tedesco, ci sono circa 19.000 Reichsbürger in Germania. Dal 2016 al 2018 il loro numero è più che raddoppiato. Si organizzano principalmente sul social network Telegram.

Telegram non è moderato come Facebook o Twitter, ad esempio, dove in alcuni casi i profili radicali sono stati rimossi.

Buchzik afferma che l'eliminazione dei profili "contribuisce, a breve termine, a mettere a tacere le teorie dell'odio e del complotto sulla rispettiva piattaforma". Tuttavia, sottolinea che questo non risolve il problema: "I radicali si sposteranno su piattaforme meno regolamentate come Telegram o Discord, dove diventeranno molto più radicali a un ritmo più veloce perché tutta la moderazione viene eliminata".

Una guerra pacifica

Attila Hildmann, che ha trovato fama come cuoco vegano in Germania, sostiene il movimento. Sul suo canale Telegram, condivide ogni giorno diverse immagini, video, messaggi vocali e testi, parlando contro la Merkel e altri politici e invitando regolarmente alla protesta.

Chiama le maschere per il viso "maschere da schiavo" e confronta le misure del COVID-19 con quelle imposte ai "prigionieri di guerra". Hildmann si riferisce alle vaccinazioni COVID-19 attualmente in fase di sviluppo come "iniezioni letali" con le quali deve essere commesso un "genocidio di sette miliardi di persone".

"Le persone radicalizzate usano metafore di guerra per migliorare la loro vita quotidiana", spiega Buchzik. "Non si considerano ostili, ma piuttosto ambasciatori di un mondo migliore. Secondo loro, la guerra è stata iniziata da altri; si stanno solo difendendo. Questo obiettivo eroico giustifica tutte le misure - nei casi più estremi, anche violenza."

In un messaggio che si riferisce ai vaccini, Hildmann ha scritto sul suo canale il 15 settembre che chiunque riceva il vaccino morirà presumibilmente di "malattie genetiche" entro 24 mesi. Ha aggiunto in lettere maiuscole: "NON HO SIMPATIA CON QUELLI CHE AMANO ANCORA LA BUGIA E L'INSULTO DI CIÒ CHE È VERO E REALE DOPO 6 MESI DI KORONA!". Vale la pena notare che scrive "Korona" con una "K" perché in tedesco, comunismo si scrive con una "K".

Hildmann era tra le 300 persone arrestate alla manifestazione del 29 agosto.

Nonostante tutto questo, lui e altri membri del movimento affermano di voler manifestare pacificamente - sottolineano che stanno cercando pace e amore.

Esoterismo ed estremismo di destra

Il fatto che il movimento sostenga pubblicamente la pace e l'amore spiega anche perché una così vasta gamma di persone con opinioni diverse partecipano alle manifestazioni contro le misure COVID-19. Sempre più persone il cui aspetto da solo potrebbe suggerire che sono ciò che la gente definisce vagamente come "hippy" si stanno presentando.

"L'esoterismo e l'estremismo di destra sono più vicini l'uno all'altro di quanto si possa pensare", spiega Buchzik.

Dice che agli esoterici piace parlare di amore "ma non appena pensiamo ai loro slogan, la misantropia diventa evidente", spiega l'esperto. "I negazionisti esoterici affermano, tra le altre cose, che solo coloro che hanno paura si ammalano di COVID-19. Coloro che non hanno la mentalità giusta. Per essere più precisi: coloro che si ammalano semplicemente non vogliono essere risvegliati. Chi si ammala ha scelto la malattia e non merita simpatia.

"Pertanto, non è un problema per i negazionisti esoterici ignorare le misure protettive nella vita di tutti i giorni o marciare accanto agli estremisti di destra sotto le bandiere della guerra imperiale. Le vite umane che mettono in pericolo sono le vite degli infedeli e, quindi, non valgono nulla. a loro."

Secondo Buchzik, c'è una semplice ragione per cui così tante persone in Germania stanno attualmente scendendo in piazza contro le misure Corona: "Quando ci troviamo di fronte a eventi terribili nelle nostre vite, proviamo non solo paura ma anche rabbia, e coloro che sono arrabbiati cercare i colpevoli. Questo ci rende vulnerabili a voci e storie di cospirazione. Più un racconto è emozionante, più sarà praticabile.

"Il caso, che consente a un virus di mutare e saltare la barriera delle specie, non è buono come immagine nemica. Ma la fede in una sinistra élite che ha allevato SARS-CoV-2 in laboratorio lo è."

Criticato l'assalto del Reichstag

Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha condannato l '"assalto" del Reichstag. "Il Reichsflaggen e la volgarità dell'estremismo di destra di fronte al Bundestag tedesco sono un attacco intollerabile al cuore della nostra democrazia. Non lo accetteremo mai", ha detto il giorno dopo l'evento.

Anche il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha condiviso la sua indignazione su Twitter: "Tutti hanno il diritto di discutere su come affrontare la corona e, naturalmente, di dimostrare la propria opinione", ha scritto Maas. "NESSUNO dovrebbe camminare con estremisti di destra, mettere in pericolo gli agenti di polizia ed esporre molti al rischio di infezione. Le bandiere imperiali davanti al parlamento sono vergognose".

Anche nel periodo precedente l'evento del 29 agosto, sono stati condivisi online gli avvertimenti che estremisti di destra e neonazisti si sarebbero riuniti alla manifestazione.

Restle ha scritto: "Gli estremisti di destra si mobilitano per Berlino # b2908. Se qualcuno ha ancora dubbi su con chi marceranno ..." e ha condiviso due appelli a venire all'evento dal politico AfD di destra Björn Höcke e dal lontano- a destra, NPD ultranazionalista in Sassonia.

L'escalation di eventi radicali potrebbe essere prevenuta

"È giunto il momento di non svalutare più e ridicolizzare queste persone come" pazzi ", ma di prendere sul serio la radicalizzazione e considerarla un pericolo per la nostra società", dice Buchzik.

L'esperto afferma che parenti e amici sono i mezzi più efficaci per combattere la radicalizzazione: "Tutti possiamo - e dobbiamo - fare qualcosa", aggiunge Buchzik.

L'esperto dice che c'è anche bisogno di "servizi di consulenza professionale in tutta la Germania, e solo nel campo dell'estremismo islamico e dell'estremismo di destra. Il supporto psicologico e i programmi di formazione nella comunicazione potrebbero prevenire molte escalation".