ULTIM'ORA
This content is not available in your region

In Ucraina, nazionalisti e metal estremo si uniscono contro la Russia

I Khors
I Khors   -   Diritti d'autore  Khors
Dimensioni di testo Aa Aa

La vita a Kharkiv, in Ucraina, avrebbe potuto svolgersi molto diversamente.

Nel 2014, quando la Russia si è annessa la Crimea e i suoi delegati si sono impadroniti di parte dell'Ucraina orientale, comprese le città di Donetsk e Luhansk, gli abitanti di Kharkiv - a soli 40 chilometri dal confine russo - temevano che la loro città avrebbe seguito la stessa sorte.

Come il resto dell'Ucraina, anche Kharkiv ha avuto rapporti molto complessi con la Russia, già dagli anni antecedenti a Pietro il Grande. La città fu conquistata dai bolscevichi nel 1917, ma nel corso della prima guerra mondiale passò di mano non meno di sei volte tra il nuovo governo russo e la Germania.

Capitale della Repubblica Socialista Sovietica Ucraina dal 1919, Kharkiv ha sofferto durante gli anni Trenta, prima durante la devastante carestia dell'Holodomor - che ha ucciso milioni di ucraini - e poi durante la brutale epurazione di intellettuali e dissidenti di Joseph Stalin durante gli anni Trenta.

Catturata dai nazisti nel 1941, Kharkiv fu quasi completamente distrutta durante la seconda guerra mondiale e decine di migliaia di cittadini - tra cui 15.000 ebrei - furono uccisi. Dopo la guerra, l'Ucraina è rimasta parte dell'Unione Sovietica fino all'indipendenza nel 1991.

Non puoi essere un musicista apolitico in Ucraina.
Konstantin Zmievsky

In seguito alle proteste dei Maidan nel 2014, anche a Kharkiv i filo-russi hanno innalzato per un breve periodo una bandiera russa su un edificio amministrativo e hanno tentato di proclamare - come a Luhansk e Donetsk - una Repubblica popolare. Ma qui, a differenza che altrove nella zona, le forze di sicurezza ucraine hanno rapidamente posto fine alla protesta.

Da allora nel vicino Donbass infuria la guerra tra separatisti russi ed esercito ucraino. Per i residenti di Kharkiv, a nord della regione contesa, il conflitto è servita da monito per ciò che sarebbe potuto accadere anche a loro.

"Kharkiv - spiega Konstantin Zmievsky, nativo della città ma residente a Kiev - si è salvata dalla peste separatista che l'ha quasi trasformata in un'enclave della Federazione Russa, com'è successo a Donetsk e Luansk".

Konstantin è un membro dei Khors, una delle poche band black metal ucraine ad essere riuscite a farsi conoscere anche oltre i confini nazionali. Nato in Norvegia, il black metal è il più estremo dei sottogeneri dell'heavy metal, caratterizzato da riff di chitarra veloci e distorti, voci ringhianti o urlate e dal serrato e devastante ritmo di batteria che nell'ambiente viene definito "blast beat".

Ha inoltre certamente rappresentato la più controversa tra le molte filiazioni dell'heavy metal. Fin dagli anni Novanta, quando i membri di una manciata di band norvegesi furono coinvolti in una serie di incendi di chiese e macabri omicidi, l'abbraccio tra il black metal e molte ideologie estreme - come il satanismo il neopaganesimo e, in alcune occasioni, il neonazismo - ha alternativamente affascinato e inorridito il pubblico.

Da allora, il genere ha trovato una diffusione capillare e planetaria: oggi, gruppi black metal sono presenti un po' ovunque, dall'Arabia Saudita alla Colombia, fino in Cina e in Giappone. Non tutti i musicisti black metal sono satanisti: molti traggono influenza dalla politica, estrema sinistra inclusa. Alcuni si concentrano sull'ambientalismo, altri sui movimenti sociali. Alcuni sono del tutto apolitici.

I Khors, però, non rientrano in quest'ultima categoria, e Konstantin dubita che dopo gli ultimi sei anni in Ucraina esistano band che possano definirsi tali

"Non abbiamo più band apolitiche nel metal nazionale" spiega. "E più in generale, non puoi essere un musicista apolitico qui. Non si può essere apolitici in Ucraina. Non dopo l'invasione russa e l'occupazione dei territori ucraini a Donbas e in Crimea".

Ma l'attenzione delle band black metal ucraine sulla storia e la cultura della loro nazione non è un fenomeno nuovo. Forse la più nota delle band ucraine a livello internazionale, i Drudkh, ha tratto ispirazione per "Swan Road" il suo album del 2005, sull'opera di Tara Shevchenko, una poetessa ucraina ed eroina nazionale che fu perseguitata ed esiliata per il suo lavoro e morì nel 1861.

Khors
I Khors in concertoKhors

Questioni nazionaliste

I Drudkh furono fondati dal musicista ucraino Roman Saenko, una figura notoriamente solitaria della scena metal che non ha mai rilasciato un'intervista. L'album Blood in Our Wells (2006) della band è stato dedicato a Stepan Bandera, il fondatore radicale dell'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN), presunto collaboratore nazista, tuttora tra le figure più divisive della storia ucraina.

Proprio i riferimenti a Bandera hanno alimentato le accuse secondo cui i Drudkh, e molte altre band ucraine , apparterrebbero a un sottogenere del black metal denominato National Socialist Black Metal (NSBM). Prima di loro, i Saenko, gli Hate Forest e gli Astrofaes avevano intrattenuto rapporti con la scena musicale legata all'estrema destra.

Molti ucraini sottolineano che dipingere il nazionalismo ucraino come fascista o di estrema destra è stata a lungo una tecnica della Russia e dei suoi mandatari: secondo alcuni, la diffusione di simpatie filofascite sarebbe piuttosto una reazione politica e culturale alle persecuzioni e persino al genocidio che gli ucraini hanno subito per mano dei russi, dei polacchi e dei sovietici nel corso della storia.

Altri sostengono invece che questo tipo di analisi non produca altro che apologia ed esegesi; che il nazionalismo sia per natura esclusivo e spesso violento e che qualsiasi cosa Bandera - nominato, tra le proteste internazionali, 'Eroe d'Ucraina' nel 2010 - e il suo seguito abbiano fatto per promuovere la causa dell'indipendenza ucraina, la loro scelta di lavorare con i nazisti contro l'Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale era imperdonabile.

Dato il silenzio di Saenko durante la sua lunga carriera - e il fatto che comprendere i testi urlati del black metal è, anche per i fan, praticamente impossibile - il mondo del metal probabilmente non scoprirà mai se uno dei più famosi musicisti di uucraini sia propagatore di un messaggio d'estrema destra

Ma Konstantin, che ha suonato in due delle band in questione, è scettico.

"Sapete - spiega - ho suonato con gli Astrofaes dal 1996 al 2000, per quattro anni: e suonavamo black metal con i testi tipici del black metal senza mai interessarci al nazionalsocialismo o ai neonazisti e a cose del genere"

"Più tardi mi sono unito agli Hate Forest. Ho suonato con loro per due anni circa, durante i quali abbiamo fatto un solo show dal vivo. Conosco i ragazzi molto bene e non sono mai stati nazisti o neonazisti".

Dove il mondo diviene eterno

Diversi gruppi a Kharkiv, ammette Konstantin, che avevano una visione di destra. In una scena così ampia, sottolinea il musicista, è certamente potuto accadere che i membri di queste band abbiano finito per suonare anche con gruppi non ugualmente connotati sul piano politico. O periodi in cui le etichette che producevano band di destra abbiano prodotto e pubblicavano anche album di band non razziste. Questo accade anche in altri paesi, ha detto Konstantin, come in Polonia - ma soltanto in Ucraina ogni band ha finito per essere etichettata come razzista.

"Su internet si può trovare che i Khors sono una band nazista, ma non lo sono", ha detto Konstantin.

L'ultimo album dei Khors - uscito il 15 settembre - è il loro secondo lavoro concettuale dopo Wisdom of Centuries del 2012, che si basava sulla storia della Repubblica di Kholodny Yar, l'ultimo baluardo degli ucraini a favore dell'indipendenza tra il 1918 e il 1922. Stato contadino, cosacco, la repubblica è stata alla fine superata e sottomessa all'Unione Sovietica.

Il nuovo album, Where the World Acquires Eternity, si basa sulla storia di Kharkiv, e su un palazzo residenziale che negli anni Venti ospitò alcuni dei più venerati scrittori, poeti e intellettuali ucraini. Sebbene sia nata come un sogno utopico per l'intellighenzia di Kharkiv, la "Casa Slovo" sarebbe in seguito divenuta una prigione e molti dei suoi abitanti sono morti durante le purghe staliniste.

Our new Music Video "Beneath the Keen Edge of Time" is now online. The lyrics to this song is Julian Shpol's poem "About...

Publiée par KHORS sur Lundi 7 septembre 2020

Nonostante vivesse dietro l'angolo dell'edificio quando era a Kharkiv, Konstantin non conosceva la storia della Casa Slovo fino a quattro anni fa, mentre si preparava per il suo matrimonio. Per conoscere i suoi suoceri, che sono di Leopoli, ha organizzato un tour di Kharkiv per la famiglia. Fu allora che la guida turistica gli parlò di Casa Slovo.

"Ho vissuto a Kharkiv per 30 anni, ma non ho mai conosciuto molte storie sui suoi palazzi e le sue strade. Ha raccontato la storia di questo edificio e mi è giunta del tutto nuova. Mi sono immerso in quella storia e l'ho trovata molto triste e interessante", ha detto.

Gli arresti nel palazzo simbolo dell'intellighenzia ucraina iniziarono tra il 1932 e il 1940. I residenti di 40 dei 66 appartamenti erano caduti nel giogo della persecuzione stalinista, e molti di loro furono arrestati e giustiziati. Durante l'occupazione tedesca di Kharkiv, l'edificio che un tempo sognava d'essere centro creativo per le più brillanti menti dell'Ucraina, finì per diventare un quartiere generale per gli ufficiali nazisti.

Per Khors, è la tragedia della Casa di Slovo - un sogno schiacciato dalla violenza e dalla tirannia - che la rende così attuale oggi, in un momento in cui il futuro dell'Ucraina è ancora una volta minacciato da una forza proveniente da est.

"Si tratta della nostra città, della nostra storia, e della storia dell'Ucraina", ha detto Konstatin.

"Perché ora? Perché dopo il 2014 tutto ciò che riguarda l'Ucraina a Kharkiv è tornato di stretta attualità. E tutte queste cose tornano a galla nella storia, anche grazie a noi".