ULTIM'ORA
This content is not available in your region

A Varsavia un nuovo quartier generale dell'opposizione bielorussa

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
A Varsavia un nuovo quartier generale dell'opposizione bielorussa
Diritti d'autore  AP/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Nonostante la pressione di Polonia e Paesi baltici, nella lista - in fase di elaborazione - delle personalità bielorusse che verranno colpite dalle sanzioni dell'Unione europea non dovrebbe figurare Aleksandr Lukashenko, per lasciare ancora spazio alla diplomazia.

Intanto il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha ricevuto a Varsavia l'esule (in Lituania) Svetlana Tikhanovskaya per consegnarle le chiavi di un nuovo quartier generale dell'opposizione bielorussa nella capitale. Si tratta di un edificio degli anni Trenta nel quartiere Saska Kępa. È stata residenza dell'ambasciatore francese e dell'ambasciata tunisina.

Il governo polacco si è impegnato a presentare all'Unione europea delle proposte di assistenza economica alla Bielorussia. Nelle scorse settimane aveva annunciato posti nelle università polacche per gli studenti e gli accademici bielorussi.

In un tweet il premier polacco ha scritto: "Solidarność ("solidarietà" è il nome del sindacato polacco di Lech Wałęsa, ed. note) non è solo un movimento che ha portato a una svolta storica. La solidarietà è qui e ora! Il nostro sostegno al popolo bielorusso dimostra che la solidarietà può attraversare i confini nazionali".

In un discorso di ringraziamento, la candidata alle presidenziali sconfitta da Lukashenko, che ha ottenuto il suo sesto mandato, ha detto che a questo punto non sarà più possibile tornare indietro nel suo Paese, dopo il carcere e le torture inflitti ai manifestanti antigovernativi, scesi in piazza pacificamente tra il 9 e l'11 agosto.

Una repressione del dissenso che continua implacabile. Solo martedì sono stati arrestati 121 dimostranti. L'avvocato attivista Maxim Znak è stato prelevato dalla sede del Consiglio di coordinamento dell'opposizione da uomini a viso coperto.

Svetlana Aleksievič ha denunciato una tentata irruzione di sconosciuti nel suo appartamento nella capitale bielorussa. La scrittrice, Premio Nobel per la letteratura nel 2015, è ora l'unica libera dei membri del Consiglio dell'opposizione, che era nato per dialogare con il regime.

Ha strappato il suo passaporto mentre si trovava al confine con l'Ucraina, dove era stata condotta per un espatrio forzato: è stato l'atto di coraggio di Maria Kolesnikova, l'unica rimasta in Bielorussia del trittico tutto al femminile guidato da Tikhanovskaya durante la corsa alle presidenziali. Secondo il padre della donna, si trova ora in carcere a Minsk.