ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Geotermia, l'energia dal sottosuolo con le nuove tecniche: il caso dell'Islanda

euronews_icons_loading
Geotermia, l'energia dal sottosuolo con le nuove tecniche: il caso dell'Islanda
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

"Attualmente in Europa sono in funzione circa 130 centrali geotermiche, con un aumento del 5% rispetto al 2019, e il numero potrebbe raddoppiare in 5-8 anni.

Come garantire che siano più sicure, più affidabili, più efficienti e anche più rispettose dell'ambiente? Gli scienziati europei hanno progettato e sviluppato nuove tecnologie che sono attualmente in fase di sperimentazione in Islanda".

Euronews
La centrale geotermica di NesjavellirEuronews

La centrale geotermica di Nesjavellir è la seconda più grande in Islanda. Produce circa 120 MW di energia elettrica. Le operazioni di perforazione sono spesso in corso per trovare nuove risorse in profondità, nel sottosuolo. Le temperature possono raggiungere i 460°C laggiù e la pressione è estremamente elevata. È un ambiente duro e aggressivo per il materiale di perforazione.

Vilhjálmur Guðmundsson, direttore del marketing - Iceland Drilling - spiega quali sono le criticità: "Il problema nella geotermia in generale è che si ha a che fare con molto calore. E quando è necessario mantenere i pozzi, a volte è necessario raffreddarli. E questo alla fine potrebbe distruggere gli involucri, a causa dell'espansione".

Completamente automatizzato, l'impianto sta testando una nuova tecnologia per cercare di minimizzare i rischi, ridurre i costi di manutenzione e aumentare l'efficienza delle operazioni di perforazione.

La tecnologia è stata sviluppata dagli scienziati nell'ambito di un progetto di ricerca europeo, coordinato da questo istituto di Reykjavik. Il loro obiettivo era quello di riprogettare i giunti flessibili per consentire l'espansione termica degli involucri senza rischi di deformazione.

Euronews
ReykjavikEuronews

Ingólfur Örn Þorbjörnsson, Innovation manager - Iceland Geosurvey: "Quando abbiamo le differenti sezioni dei tubi di raccordo nel connettore, normalmente il sistema è fisso. Invece, i nostri giunti flessibili permettono al tubo di espandersi proprio attraverso i raccordi. Questo significa che stiamo eliminando la tensione sul sistema. E così raffreddiamo di nuovo il pozzo. Grazie al fatto che i giunti consentano al raccordo di estendersi ".

I materiali sono accuratamente verificati per valutare che possano garantire la longevità necessaria al nuovo progetto. Gli standard dell'industria della perforazione sono molto esigenti in relazione alla sicurezza e l'affidabilità.

Árni Ragnarsson, Quality manager, Iceland Geosurvey: "Per un impianto geotermico tipico, il costo della perforazione può arrivare fino al 30-35% del totale. L'industria della perforazione utilizza (normalmente) una tecnologia ben nota e comprovata. Non credo sia facile convincerli a provare qualcosa di nuovo".

I ricercatori dicono che questa innovazione potrebbe essere particolarmente promettente per gli attori geotermici emergenti dell'Europa continentale, dove, contrariamente all'Islanda, le risorse si trovano a grandi profondità.

"Si hanno campi ad alta temperatura in Europa. Ci sono in Italia, in Grecia, si trovano in Turchia, nelle Azzorre, nelle isole portoghesi. Lì ci vogliono pozzi più profondi, segmenti di involucro più lunghi. E questo significa che avete più problemi nei pozzi di quanti ne abbiate qui, probabilmente, nel nostro caso - dice Ingólfur Örn Þorbjörnsson - I giunti flessibili qui in Islanda arrivano solo fino a 2 chilometri di profondità. Ma in Europa bisogna andare a 5 o 6 chilometri, forse".

Gli operatori della perforazione dicono che queste e altre tecnologie innovative potrebbero effettivamente aiutarli a diventare più competitivi.

Spiega Vilhjálmur Guðmundsson: "Si risparmia denaro nell'operazione. Così i costi operativi saranno inferiori. La durata del pozzo sarà più lunga. Questo è il vantaggio principale".

La riduzione dei costi di manutenzione dovrebbe anche portare a una riduzione delle bollette energetiche per i clienti, concludono i ricercatori.