ULTIM'ORA
This content is not available in your region

COVID-19: quali Paesi europei hanno adottato le politiche più severe?

Immagine d'archivio - Un dottore in Venezuela disinfettato da un collega dopo un controllo su un asintomatico in un hotel di quarantena a Caracas
Immagine d'archivio - Un dottore in Venezuela disinfettato da un collega dopo un controllo su un asintomatico in un hotel di quarantena a Caracas   -   Diritti d'autore  Ariana Cubillos/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Un team di ricerca dell'Università di Oxford ha studiato le politiche adottate dai governi di oltre 180 paesi per affrontare la pandemia elaborando un indice di risposta al Covid-19 sulla base di 17 indicatori.

Il Kosovo (punteggio di 69,44 su 100) è in cima alla classifica del rigore europeo, mentre la Bielorussia e la Georgia sono i due Paesi "più indulgenti" con uno score di 8,33 su 100.

Nella sola Unione Europea, è il Portogallo ad essere in testa con un punteggio complessivo di 66,2/100, mentre l'Estonia e la Lituania si collocano all'ultimo posto (19,44/100).

Quattro le categorie stabilite dal gruppo di lavoro della Blavatnik School of Government:

  • risposta globale del governo;
  • sostegno economico offerto alla popolazione;
  • misure di contenimento e di salute pubblica;
  • severità;

Quest'ultimo parametro indica nello specifico il rigore delle misure introdotte e mira ad alimentare la discussione su quali siano le misure più appropriate contro l'epidemia.

Come viene calcolato l'indice?

"Diamo un voto alla presenza della politica", ha detto a Euronews la dottoressa Anna Petherick, docente e co-autrice. "Il punto principale è fornire una misura obiettiva di quanto i diversi Paesi stiano facendo", ha aggiunto.

Per misurare il rigore delle misure introdotte, ad esempio, sono state prese in considerazione nove voci: dalla chiusura di scuole e dei posti di lavoro, al trasporto pubblico, passando per le campagne di informazione, le restrizioni sui viaggi e il blocco degli assembramenti.

Circa 290 collaboratori aggiornano le informazioni provenienti dai funzionari governativi o dai media e le convertono in parametri codificati che vanno ad alimentare l'index.

"Se in un Paese ci si può riunire in gruppi di 50 persone, si ottiene una valutazione; se non sono previsti assembramenti di oltre 5 persone, il punteggio è più alto", ha spiegato Toby Phillips, collega di Petherick.

"L'eterogeneità delle risposte dei governi è esattamente il motivo per cui è necessaria una misura standardizzata, trasparente e comparativa", afferma Thomas Hale, un professore associato di politica pubblica che ha contribuito al progetto.

Più sono rigorose le misure, meglio è?

Second Petherick, piuttosto che limitare del tutto i contatti tra le persone è necessario mettere in campo una complessa combinazione di diverse politiche: alla luce dei risultati, è così che si ottiene il maggior numero di benefici per la salute.

Tuttavia, è indubbio che ad inizio epidemia ci sia stata "una relazione tra la severità della risposta da parte della politica e la sua velocità: in entrambi i casi, ci sono stati meno morti", ha sostenuto Phillips.

Bisogna infine tener conto dello 'sfinimento da lockdown', in particolare "per quelle popolazioni che non hanno le risorse economiche o il supporto per sostenere le misure di distanziamento fisico", ha concluso Hale.

I dati mostrano che il numero di decessi giornalieri legati al coronavirus (in grigio) sia effettivamente correlato al rigore delle misure governative (in blu). È interessante notare il ritardo osservato tra l'attuazione di nuove misure e il tasso di mortalità.

(nel grafico, il rapporto tra decessi e severità delle misure di contenimento in Francia, Italia e Germania - scorrere con la freccia per cambiare Paese)

Lo scopo originale di uno strumento come quello di Oxford non è quello di misurare l'efficacia delle politiche di contenimento - poiché le situazioni possono variare notevolmente da un paese all'altro, e il numero di casi registrati dipende dalla quantità di test effettuati - ma "di dare un contributo alla conversazione", ha detto Petherick.

Patherick ha spiegato che, se da un lato è stato difficile valutare nel merito le singole misure - appartenenti ad un insieme di azioni intraprese all'indomani della prima ondata -, dall'altro sta diventando più facile valutarne l'effetto una volta che vengono rilassate le restrizioni, una dopo l'altra. "La varietà delle risposte dei governi espone la difficoltà di rispondere a una minaccia prettamente transnazionale, con quasi 200 diverse politiche nazionali", hanno scritto gli autori.