ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Spagna, l'esercito scende in campo per fermare la pandemia. Salgono ancora i contagi

euronews_icons_loading
Spagna, l'esercito scende in campo per fermare la pandemia. Salgono ancora i contagi
Diritti d'autore  Señal institucional de la Moncloa
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo le restrizioni sulla movida, ora in Spagna contro la pandemia da Covid-19 ora scende in campo anche l’esercito. L’annuncio arriva dal Primo ministro Pedro Sanchez, dopo che la curva del contagio nella penisola iberica sta salendo a ritmi vertiginosi.

Esercito per fermare la pandemia

"Piegheremo di nuovo questa curva, ha dichiarato il premier, ma dobbiamo farlo tutti insieme", “Il governo spagnolo metterà le forze armate a disposizione delle regioni per effettuare il tracciamento” dei casi, ha sottolineato poi Sanchez, specificando che a questo scopo saranno schierati 2mila soldati.

"Piegheremo di nuovo questa curva di contagi ma dobbiamo farlo tutti insieme",
Pedro Sanchez
Primo Ministro spagnolo

La prima città a mettere in campo una pattuglia per il controllo della quarantena è Saragozza, dove il tasso di contagiati nelle ultime due settimane è salito di molto. Una quadra, formata da una decina di persone, effettuerà visite a domicilio per assicurarsi che i positivi rispettino le disposizioni governative.

Oltre 1000 i cluster

Nel Paese sono oltre 1000 i focolai sempre attivi. Madrid, Catalogna, Paesi Baschi, l’Aragona, sono alcune delle zone più a rischio. Intanto tra una settimana si tornerà in classe in Spagna. Anche se la situazione resta caotica e di grande emergenza il Premier ha assicurato alunni e insegnanti potranno fare ritorno sui banchi in totale sicurezza. Le regioni potranno inoltre dichiarare lo stato di emergenza. Negli ultimi tre giorni si sono registrati oltre 20mila nuovi casi, portando il numero complessivo dei positivi a oltre 400mila.

La Spagna da più di un mese è nella blacklist di Italia e Gran Bretagna che hanno imposto l’obbligo della quarantena per chi arriva dalla penisola iberica. Intanto nei giorni scorsi, il Direttore del Centro per il coordinamento sanitario spagnolo, aveva raccomandato al governo di Madrid di adottare restrizioni più dure per contenere l’impennata di contagi.