ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Lampedusa: sbarcano altri 370 migranti, hotspot al collasso

euronews_icons_loading
Il peschereccio approdato nella notte a Lampedusa
Il peschereccio approdato nella notte a Lampedusa   -   Diritti d'autore  Screenshot via AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Nella notte tra sabato e domenica altri 370 migranti sono sbarcati a Lampedusa, arrivati a bordo di un vecchio peschereccio, scortato da Guardia costiera e Guardia di Finanza.

Al momento, nell'hotspot dell'isola siciliana ci sono oltre 1.500 persone, dieci volte tanto la capacità massima del centro. Da qui è scoppiata la protesta al porto, guidata dalla Lega, con una decina di residenti, stanchi dei continui arrivi. I dimostranti hanno cercato di impedire il passaggio dei mezzi di soccorso sulla banchina.

"Siamo in ginocchio, non è possibile continuare a sopportare queste angherie da parte del governo", ha detto il sindaco Totò Martello, minacciando uno sciopero generale, se non verranno prese "decisioni immediate".

⭕️ Non basta impugnare una ordinanza per negare la realtà. C’è una emergenza sanitaria e umanitaria senza precedenti. La...

Publiée par Nello Musumeci sur Dimanche 30 août 2020

Sullo stesso tono la reazione del Governatore della Sicilia, Nello Musumeci che, attraverso un post sui social chiede al premier Giuseppe Conte di convocare urgentemente un Consiglio dei ministri, per affrontare "l'emergenza di questi mesi, divenuta insopportabile in queste ore".

La Louise Michel di Banksy ha trasferito tutti migranti a bordo

Sabato erano già arrivati a Lampedusa i 49 migranti "considerati fragili", salvati nel Mediterraneo dalla Louise Michel, nave noleggiata dal noto street artist Banksy.

Gli altri 150 passeggeri dell'ormai vuota Louise Michel sono stati invece trasferiti sabato sera sulla nave della ong tedesca Sea-Watch 4, che ora trasporta 350 persone ed è in attesa di un porto sicuro.

Esplode una barca nel Crotonese, ci sono vittime

Una barca con a bordo una ventina di migranti è esplosa al largo di Praialonga, in provincia di Crotone, mentre i migranti venivano trasbordati su navi della Capitaneria di Porto. A causare l'esplosione sarebbe stato il carburante a bordo dell'imbarcazione.

Al momento risultano tre morti e unmigrante dispersi, mentre due finanzieri sono rimasti feriti, così come altri cinque profughi. Uno sarebbe ustionato, l'altro avrebbe subito una frattura alla gamba.