ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Afghanistan, autobomba e assalto al carcere di Jalalabad: spezzata la tregua tra governo e talebani

euronews_icons_loading
Due prigionieri talebani sopravvissuti all'attentato al carcere.
Due prigionieri talebani sopravvissuti all'attentato al carcere.   -   Diritti d'autore  Rahmat Gul/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Il terrorismo in Afghanistan non finisce mai.

Almeno 21 persone, tra le quali alcuni civili, sono rimaste uccise la scorsa notte in un attacco contro un carcere a Jalalabad, nell'est dell paese.
Oltre 40 i feriti.

Dopo le smentite dei talebani, l'attentato è stato rivendicato da un gruppo armato locale aderente al sedicente Stato islamico.

Un attentatore suicida ha fatto esplodere un'autobomba davanti all'entrata della prigione e poi gli assalitori hanno fatto irruzione nell'edificio ingaggiando un conflitto a fuoco con le guardie.
Tre militari sono rimasti uccisi.

Secondo Ataullah Khogyani, il governatore della provincia di Nangarhar, dove si trova Jalalabad, tra le vittime, oltre a numerosi detenuti del carcere, ci sono anche alcuni bambini.

Diversi altri detenuti sono riusciti a fuggire e alcuni sono stati nuovamente catturati nelle ore immediatamente successive allì'attentato.

Spezzata la tregua

Questo attacco terroristico spezza una calma relativa in tutto l'Afghanistan, dove nulla finora aveva turbato - da venerdi scorso - la tregua di 72 ore (la terza tregua in due decenni di conflitto!) decisa dal governo del presidente Ashraf Ghani e dai talebani in occasione delle feste musulmane di l'Aïd al-Adha, festività legata alla fine del Pellegrinaggio a La Mecca.

Le trattative "di pace" riprenderanno nei prossimi giorni.

Rahmat Gul/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.
Una vista esterna di una parte del carcere di Jalalabad.Rahmat Gul/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.