ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Romania, carta igienica al posto delle mascherine: truffati a decine

Romania, carta igienica al posto delle mascherine: truffati a decine
Dimensioni di testo Aa Aa

"Avevamo chiesto mascherine chirurgiche, ci hanno mandato questa cosa qui: è un fazzoletto, sembra un foglio di carta igienica". Così lo scorso marzo l'assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, sbottava a proposito delle manchevolezze che a Roma il ministero ancora mostrava nella gestione della pandemia.

Ma, quattro mesi dopo, c'è chi, altrove nel mondo, le stesse esternazioni si è trovato costretto a farle alla lettera.

Accade in Romania, dove decine di consumatori, dopo aver ordinato dispositivi di protezione facciale per difendersi dal virus, si sono visti recapitare dei rotoli di carta igienica.

A cadere vittime della truffa sarebbero state, secondo la polizia, ben 89 persone: attirate da annunci pubblicati online e sui social media, hanno finito per pagare 100 euro cadauno per delle forniture di carta da toilet.

"Ho pagato il postino che consegnava il pacco e mentre tornava alla sua auto l'ho aperto e mi sono ritrovata senza parole", ha detto Cristina Bala, una delle vittime, a Euronews.

"Ho visto che non c'erano maschere e sono andata direttamente all'ufficio postale per chiedere la restituzione del pagamento di 100 euro". "I rappresentanti dell'ufficio mi hanno detto di aver bloccato il pagamento in attesa di ulteriori dettagli da parte della polizia".

"Sono anche andata alla polizia - continua - dove hanno preso le impronte digitali dal pacco. Ma con mia grande sorpresa, giorni dopo sono stata chiamata dalle poste locali, sentendomi riferire che il pagamento non poteva essere bloccato" .

"Non credo riuscirò mai a riavere indietro i miei soldi adesso" ha concluso. Bala

Otto mandati d'arresto sono stati spiccati per altrettante persone ritenute coinvolte nella truffa.

L'uso di maschere facciali è obbligatorio sui mezzi e negli spazi pubblici chiusi in Romania, dove la pandemia di Coronavirus ha portato i prezzi dei dispositivi a crescere fino a 30 volte il costo originale