ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Francia: nuova legge anti jihadisti. Ci si può fidare degli ex galeotti?

euronews_icons_loading
Afp
Afp   -   Diritti d'autore  Afp
Dimensioni di testo Aa Aa

È davvero recuperabile una persona finita in carcere per terrorismo? Dobbiamo monitorare gli ex jihadisti quando escono di prigione? Sono solo alcune delle domande a cui tenta di rispondere un disegno di legge francese che sta per essere adottato dall'Assemblea nazionale in Francia. Già convalidato in prima lettura, il testo stabilisce misure di sicurezza per i detenuti che hanno completato la loro pena ma che sono ancora considerati potenzialmente pericolosi.

Con questa legge, queste persone sarebbero quindi soggette a diversi obblighi, a partire dal luogo di residenza che sarebbe determinato dall'autorità giudiziaria. Un'altra misura: il divieto di entrare in determinati luoghi e incontrare determinate persone, l'obbligo di riferire regolarmente ai servizi di polizia o persino la sorveglianza elettronica dei loro telefoni cellulari.

Decine i detenuti condannati per reati di terrorismo che potrebbero essere colpiti da queste misure di sicurezza nei prossimi tre anni.

Qual è la probabilità che questi individui siano in grado di reprimersi dopo essere stati rilasciati dal carcere? Questa è l'intera domanda. Il Centro di analisi del terrorismo ha appena condotto uno studio tra ex terroristi condannati per terrorismo.

"Delle 200 persone la cui permanenza in Afghanistan, Bosnia o Iraq sono state documentate, tra il 1986 e il 2006, il 60% di questi rimpatriati è stato nuovamente condannato per atti di terrorismo. Più di un jihadista su due è stato arruolato dopo essere già stato condannato la prima volta ", sottolinea Sacha Belissa del Centro di analisi del terrorismo.

Tuttavia, questo testo suscita forti critiche da parte di partiti politici e avvocati di sinistra che denunciano una legge anticostituzionale. Per alcuni, questi obblighi rappresentano ostacoli significativi al reinserimento sociale, mentre altri vedono queste misure di sicurezza come una doppia sanzione.