ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Etiopia riempie la Diga sul Nilo Azzurro senza accordo, tensioni con Egitto e Sudan

euronews_icons_loading
L'Etiopia riempie la Diga sul Nilo Azzurro senza accordo, tensioni con Egitto e Sudan
Diritti d'autore  Mulugeta Ayene/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo il fallimento dei negoziati con Egitto e Sudan relativi alla Diga del Gran Rinascimento sul Nilo Azzurro, l'Etiopia spiazza tutti iniziando a riempirne il bacino.

Le immagini satellitari mostrano inequivocabilmente l'avvio delle operazioni, confermato anche dal Ministro delle Risorse Idriche etiope, Bekele.

Gli analisti sostengono che qualsiasi mossa non concordata da parte di Addis Abbeba, finalizzata a riempire la diga, potrebbe spingere l'Etiopia al conflitto militare con gli Stati confinanti.

"L'Etiopia sta dicendo che utilizzerà l'acqua in gran parte per produrre elettricità -dice Ahmed Soliman, ricercatore del Centro studi britannico Chatam House - non per l'irrigazione ma per lo sviluppo e per raggiungere i suoi obiettivi di diventare il più grande esportatore di energia in Africa.

L'Egitto, d'altra parte, ha una popolazione in crescita, al pari dell'Etiopia, di oltre 100 milioni di persone, rivendica diritti storici sul Nilo e fa affidamento sul fiume per il 90% del suo fabbisogno d'acqua dolce".

Nariman El-Mofty/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.

Il Ministro degli Esteri egiziano, Sameh Shoukry (nella foto sovrastante), aveva affermato che "far funzionare la diga senza un accordo avrebbe incrementato tensioni e causato crisi e conflitti".

La diga si trova al centro di una disputa tra Etiopia, Sudan ed Egitto per il controllo delle acque del Nilo, così non tardano ad arrivare le reazioni di Egitto e Sudan: quest'ultimo afferma che il livello dell'acqua del fiume è calato durante il riempimento, mentre l'Egitto chiede all'Etiopia "rapidi chiarimenti ufficiali".

Quello della diga è un progetto (in costruzione dal 2011) da circa cinque miliardi di dollari che, una volta ultimato, darà luogo alla centrale idroelettrica più grande d'Africa.

Il Nilo Azzurro scorre a nord della diga ed è assai importante per il fiume Nilo: Egitto e Sudan temono che il riempimento della diga ridurrà il loro accesso all'acqua. mentre l'Etiopia considera il progetto idroelettrico essenziale per il proprio sviluppo.

La mossa di Addis Abeba giunge a coronamento di una serie di colloqui infruttuosi.