EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Covid-19: il re di Bollywood Amitabh Bachchan positivo insieme ai suoi familiari

Covid-19: il re di Bollywood Amitabh Bachchan positivo insieme ai suoi familiari
Diritti d'autore SUJIT JAISWAL/AFP
Diritti d'autore SUJIT JAISWAL/AFP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Amitabh Bachchan, star di Bollywood e conduttore di "Chi vuol essere milionario" in India, ha annunciato ai suoi 43 milioni di follower su Twitter la sua positività al coronavirus. Contagiati anche il figlio, la nuora ex Miss mondo e il nipote. Non sono gravi

PUBBLICITÀ

Amitabh Bachchan, 77 anni, star di Bollywood e conduttore della versione indiana della famosa trasmissione televisiva "Chi vuol essere milionario", è positivo al coronavirus. Lo ha annunciato lui stesso ai suoi 43 milioni di follower su Twitter.

Contagiati anche il figlio Abhishek che, sempre sul social media, ha comunicato che entrambi hanno sintomi lievi, la moglie di quest'ultimo Aishwarya Rai, ex Miss mondo, e la figlia di 8 anni. La donna e la bambina sono asintomatiche.

"Il coronavirus si sta diffondendo velocemente, persino Amitabh Bachchan è stato infettato!", "Intere generazioni hanno visto i suoi film, mio nonno, mio padre ed io. Lo amiamo": sono alcuni dei commenti raccolti per strada a Mumbai, una delle città indiane più colpite.

L'India è il terzo Paese al mondo per contagi. Secondo i dati della Johns Hopkins University, sono quasi 850mila, 22.674 i decessi.

Il governo di Narendra Modi ha raccomandato cautela alla popolazione, ma ha tuttavia allentato le misure restrittive per evitare di far dilagare ancora il virus.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lata Didi, "l'usignolo dell'India", è volata via

Pronto soccorso al collasso in Italia e in Spagna: troppi ricoveri per virus influenzali e Covid

Cina, aumento dei casi di polmonite tra i bambini. L'Oms chiede informazioni