ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Gurría, Ocse: "Prima sconfiggiamo il coronavirus, poi penseremo alle conseguenze"

euronews_icons_loading
Gurría, Ocse: "Prima sconfiggiamo il coronavirus, poi penseremo alle conseguenze"
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il mondo sta attraversando la peggiore crisi economica degli ultimi decenni, scatenata dalla pandemia di Covid-19. Mentre molti paesi iniziano a uscire dal lockdown, la ripresa economica potrebbe non essere all'orizzonte. Secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, la crisi globale avrà conseguenze disastrose in tutto il mondo. Ne abbiamo parlato con il segretario generale dell'Ocse Angel Gurría.

Una ripresa "a forma di U"

Signor Gurría, la maggior parte delle previsioni indica una ripresa a partire dalla seconda metà di quest'anno. Ma secondo l'Ocse, potrebbe essere piuttosto lenta. Quali sono gli effetti economici di lunga durata della pandemia di Covid-19?

"Innanzitutto parliamo di un meno 6 per cento per l'economia mondiale nel 2020, nel caso la pandemia non si ripeta. Se assistiamo a una seconda ondata, possiamo avere una contrazione del 7 e mezzo per cento, forse anche di più. E la ragione è che, fra l'altro, c'è un problema di fiducia da recuperare. C'è un problema di investimenti che devono ripartire. Ci sono le tensioni commerciali che devono scomparire. Ma c'è anche il debito che ci ritroveremo poi. E questo riguarda i governi, riguarda le imprese, riguarda le famiglie. E renderà un po' più difficile il decollo. Quindi abbiamo di fronte una ripresa più a forma di U che a forma di V.

Il debito, uno strumento per vincere contro il virus

Per quanto riguarda il debito, cresce il timore che sarà la prossima generazione a doverlo pagare.

"È sempre la generazione successiva a pagare i debiti. Questo non cambia. L'importante è che questa generazione deve spendere per sconfiggere il virus. Usate tutte le risorse necessarie! Vincete la battaglia contro il virus! Il debito è una conseguenza della vittoria contro il virus. Ma ci saranno conseguenze. È per questo che dobbiamo restare sobri nella ripresa. Ci vorrà più tempo e bisognerà impegnarsi di più".

Quindi lei pensa che dovremmo smettere di vedere il debito come qualcosa di negativo come l'abbiamo visto, per esempio, dopo la crisi finanziaria?

"Il debito è uno strumento. Il debito non è mai intrinsecamente cattivo o sbagliato. Si può usare il debito in modo saggio e giudizioso per far progredire la crescita, lo sviluppo, alcuni programmi, a condizione, idealmente, che i progetti finanziati con il debito si ripaghino da soli o che generino un bene globale per la società, per il paese. Vale la pena pagare per questo. Ma ora non è il momento di guardare le regole sulla questione del debito. In questo momento dobbiamo prima di tutto mettercela tutta per sconfiggere il virus, dopo ci occuperemo delle conseguenze".

Incolpare la globalizzazione è alla moda ma non porta da nessuna parte

In che modo la pandemia ha accelerato il passaggio dalla "grande integrazione" alla "grande frammentazione", se l'ha fatto?

"Penso che la semplice espressione 'grande frammentazione' sia un'esagerazione, come lo era la 'grande integrazione', perché non abbiamo mai raggiunto il livello d'integrazione che volevamo, e non dovremmo lasciare che la pandemia fermi il processo d'integrazione. L'Europa è destinata a diventare sempre più integrata. Il futuro dell'Europa è l'integrazione. Un'Europa integrata sarà in condizioni migliori, il livello di benessere sarà più elevato. Non è la Commissione europea a essere responsabile dei sistemi sanitari, sono i singoli paesi a esserlo. Quindi in pratica abbiamo a che fare con diverse politiche e diversi modi di leggere i numeri e di reagire ai numeri. Ma alla fine, abbiamo avuto un approccio abbastanza costante e direi abbastanza generalizzato, che è: in assenza di una cura, in assenza di un vaccino, si ripiega sulla seconda migliore opzione, che è il confinamento, il distanziamento sociale e si controlla il processo con grande prudenza e grande gradualità".

Lei vede una minaccia alla tendenza generale verso la globalizzazione? Perché abbiamo visto che durante la pandemia di Covid-19 ad esempio c'è stata una grave rottura delle catene di approvvigionamento.

"Non incolpate la globalizzazione per le politiche nazionali inadeguate o per la mancanza di cooperazione internazionale. La globalizzazione per definizione riposa su una base molto solida di cooperazione internazionale. Se la cooperazione internazionale manca e ci sono tensioni commerciali e ci sono, in alcuni casi letteralmente, tensioni militari, e ci sono problemi di flussi e tensioni sociali, e ci sono esplosioni di malcontento in molti paesi e così via... allora, naturalmente, manca quel collante che tiene tutto insieme. E incolpare la globalizzazione può essere chic o alla moda, ma non porta da nessuna parte perché non fornisce una soluzione".

La nuova normalità per l'economia deve essere più ecologica

Signor Gurría, si parla molto di nuova normalità per noi, gente comune, riguardo il distanziamento sociale, i test, il tracciamento, l'isolamento... Qual è la nuova normalità per l'economia globale?

"La nuova normalità si spera includerà il fatto di ricordarci di una responsabilità intergenerazionale di enorme importanza, che è il fatto di avere a che fare con un pianeta, di avere a che fare con i cambiamenti climatici. Quindi mi complimento con quei paesi che ora, parlando della ripresa, dicono: sosterremo soluzioni più ecologiche nell'industria automobilistica, o in quella aeronautica, o in quella navale eccetera. Questo significa unire il sostegno ai settori più colpiti, i settori più vulnerabili, con politiche che portano a un futuro migliore".