ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tornano i turisti nei parchi tematici in giro per l'Europa

euronews_icons_loading
Tornano i turisti nei parchi tematici in giro per l'Europa
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Guillaume Desjardins, Euronews "Ogni anno, oltre 2 milioni di visitatori vagano per i vicoli del parco di Puy du Fou, in Francia, la ricostruzione di un villaggio medioevale. Vicoli rimasti vuoti per almeno tre mesi. Fino al 21 maggio, quando il parco ha preceduto le decisioni del governo e ha annunciato su Twitter che il parco sarebbe stato presto riaperto.

Laurent Albert, Amministratore delegato, Puy du Fou: "Siamo pronti a riaprire con tutto il nostro staff: gli attori, sul palco, ma anche lo staff dell'ospitalità che accoglierà i nostri visitatori. Abbiamo lavorato su questi protocolli e, sicuramente, saremo pronti entro l'11 giugno".

Le autorità francesi hanno consentito la riapertura dei parchi a tema nella maggior parte delle aree del Paese dal 2 giugno, ma le porte del Puy du Fou sono rimaste chiuse al fine di dare al personale il tempo di adattarsi alle nuove norme sanitarie.

Così una figurante, Ludivine Combalbert: "Abbiamo adattato le coreografie i n modo da essere distanti un metro, non ci tocchiamo e rispettiamo le regole di distanziamento".

Altri membri dello staff si assicurano che i visitatori possano mantenere la distanza sociale mentre partecipano agli spettacoli e alle giostre.

Olivier Bériot, Capo servizio clienti: "I turisti saranno in grado di avere mascherine all'ingresso. Successivamente, penso che i visitatori aspettino che il governo sia molto chiaro riguardo agli ambienti chiusi, se cioè tutti gli spettatori debbano o meno indossare mascherine".

Philippe de Villiers, fondatore del parco e figura politica francese conservatrice, ha attivamente esercitato pressioni sul governo per accelerare la riapertura dei siti turistici, sostenendo che il parco ha perso un milione di euro al giorno dall'inizio del blocco a marzo.

E questo si aggiunge alle perdite per gli hotel, i ristoranti e i professionisti del turismo locali.

Patrick Lamande, direttore dell'hotel-ristorante Aloé: "Il 60 percento del fatturato è generato da turisti chhe vengono qui da fine aprile a fine ottobre. Il resto dell'anno il parco è chiuso."

Aggiunge Bruno Frélin, Co-manager, Ristorante Les Jardins du Lavoir: "Non vediamo l'ora, ovviamente, perché ci fa lavorare. Sì, come gli scoiattoli, mettiamo da parte per l'inverno, ma facciamo anche lavorare molte persone, come gli studenti locali. L'anno scorso abbiamo assunto molti lavoratori stagionali , quest'anno saranno di meno, è ovvio ".

Al di fuori della Francia, Europa Park in Germania o Efteling nei Paesi Bassi hanno già riaperto, ma altri, come Gardaland in Italia aspetteranno la fine del mese. Puortaventura, in Spagna, offre ai visitatori esperienze online, in attesa della prossima visita.