ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La solidarietà in qualche clic

euronews_icons_loading
La solidarietà in qualche clic
Dimensioni di testo Aa Aa

Un’applicazione per smartphone per l’assistenza ai più deboli è stata adattata alla crisi da coronavirus. Andiamo a scoprire in che modo in Polonia.

Un'app per aiutare i più deboli

Siamo a Walz, nella Polonia nord-occidentale. Da aprile la mascherina è obbligatoria. Chi non è in grado di uscire di casa per procurarsela può ordinarla in pochi clic sulla nuova app, sviluppata nell’ambito di un progetto finanziato dal Fondo di coesione dell’Unione europea. Irena è una degli utenti. Dovrebbe ricevere il suo ordine a breve. Per lei "Questo supporto è molto importante, soprattutto per gli anziani. Innanzi tutto, hanno paura di uscire in strada, sono stati travolti dal panico generale. E poi hanno paura di essere contagiati".

Il Good Support Program dispone di un budget totale di 2,21 milioni di euro, di cui 1,87 milioni forniti dalla Politica di coesione europea. La parte riguardante l'app, in questo progetto lanciato nella Pomerania occidentale, coinvolge 300 assistiti, 300 accompagnatori e circa 100 volontari.

Euronews
Le cifreEuronews

Un progetto che si è adattato alle esigenze della pandemia

Gli elementi che costituiscono il Good Support Program sono il coordinamento, gli accompagnatori, le famiglie e i vicini. L’obiettivo è di rispondere molto rapidamente alle esigenze mobilitando le risorse della comunità. A Wałcz, a coordinare il programma per il comune è Monika Turowska. Il progetto, che fa ricorso a psicologi, avvocati e fisioterapisti, si è adattato alle esigenze sorte con il Covid-19. Tutto è gestito in tempo reale sulla base della geolocalizzazione di volontari e assistiti, spiega Monika: “Grazie al programma ho una panoramica di tutti i volontari con cui lavoro e il database di tutti gli assistiti. La piattaforma è davvero facile da usare, basta inserire i nomi degli assistiti, di chi se ne prende cura e assegnare compiti".

Dalla Polonia al resto del mondo

In questo momento, molto richieste sull’app sono le mascherine, che vengono prodotte nel centro delle attività professionali della città e consegnate all’ufficio locale di sostegno all’economia sociale. In questi giorni il centinaio di volontari di Wałcz le sta impacchettando e distribuendo… con un occhio sulla bici e l’altro sull’app. Maciej, uno di loro, illustra il funzionamento: “Attraverso l’applicazione ricevo un messaggio da una persona anziana, o da qualcuno che vive da solo e ha bisogno di aiuto. Consegniamo cibo a queste persone, portiamo fuori il cane, buttiamo la spazzatura, oppure semplicemente facciamo una chiacchierata con loro al telefono”.

Con l'arrivo della pandemia, l’applicazione mobile del programma è stata resa gratuita. Ora sta venendo tradotta in inglese e spagnolo e, secondo il Good Support Program, sarà presto disponibile anche in altri paesi.