ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nove settimane per tornare a casa: l'odissea di Mark, tra disguidi burocratici e notti all'aeroporto

Mark Gonzales all'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi
Mark Gonzales all'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi
Dimensioni di testo Aa Aa

Mark Gonzales pensava di imbarcarsi all'inizio di marzo per un semplice viaggio d'affari di 10 giorni. "Ero stato invitato dall'Università di Stanford [in California] a lanciare un incubatore sull'arte e la società", ha detto a Euronews l'artista americano che vive in Tunisia per una parte dell'anno con la moglie e le due figlie. Intrappolato dalle mille complicazioni causate dal Covid-19 - voli cancellati, chiusure dei confini, notti trascorse all'aeroporto Charles de Gaulle e complicazioni amministrative - da più di sette settimane cerca di riabbracciare la sua famiglia.

"Quando ho lasciato la Tunisia, il Covid-19 era già sulle prime pagine dei giornali e il bilancio delle vittime cominciava a salire, ma non avevo sentito parlare di problemi per i viaggiatori". Andrà tutto bene, pensa Mark tra sé e sé, "è solo un viaggio veloce". Atterrando a San Francisco, si rende conto che durante il suo volo transatlantico le cose si sono mosse rapidamente.

All'aeroporto c'erano poche persone, tutti indossavano mascherine e la conferenza per la quale aveva viaggiato era stata spostata online. Il giorno dopo, c'è stata un'ulteriore accelerazione: l'Università di Stanford ha annunciato che avrebbe chiuso i battenti fino alla fine dell'anno. Poche ore dopo è stata annunciata anche la cancellazione di South by Southwest, un festival musicale e cinematografico che si tiene a Austin dove era in programma anche un intervento di Mark.

La sera stessa l'Italia ha annunciato la chiusura delle frontiere, notizia che ha fatto capire al mondo che stava iniziando una nuova era. "Chiunque viaggi a livello internazionale sa che c'è un effetto domino: quando un Paese introduce misure, altre nazioni lo seguono", dice l'intellettuale, la cui specialità è immaginare possibili futuri. "È stato un campanello d'allarme per me: dovevo andare a casa".

Otto ore di attesa

Impossibile contattare Delta, la compagnia aerea, per cambiare il suo biglietto. Le linee sono sovraccariche, "la segreteria telefonica mi diceva che avrei potuto attendere fino a 8 ore!". Donald Trump ha poi annunciato le restrizioni sui voli tra gli Stati Uniti e l'Europa. Gonzales è riuscito a cambiare il suo biglietto una volta all'aeroporto di Los Angeles, ma il volo è stato cancellato due ore prima della partenza. La compagnia aerea gli ha offerto un altro volo, in partenza da San Francisco, a 6 ore di distanza. Mark accetta e va a San Francisco ma anche questo volo è cancellato.

"Per fortuna mia sorella e la sua famiglia vivono a San Francisco. Hanno una stanza per gli ospiti a casa loro e si sono offerti di mettermi a mio agio fino a quando non sarei potuto tornare a casa", dice Gonzales. "Questo è l'inizio di un periodo che avrebbe dovuto durare una settimana, ma che alla fine durerà sette settimane con più di sei altri voli cancellati".

Dopo 7 settimane, Mark è riuscito a prendere un aereo per Parigi da San Francisco, via Atlanta. Questi due aeroporti internazionali hanno accolto oltre 165 milioni di passeggeri nel 2019. Quando ci è passato Mark erano deserti. Sull'aereo per Parigi ci sono principalmente rimpatriati francesi. Ma per il nostro viaggiatore le preoccupazioni non finiscono qui.

Il 6 maggio "sono atterrato a Parigi Charles de Gaulle, pronto a prendere la coincidenza per Tunisi con Tunis Air. Sono arrivato al banco della compagnia aerea e lì gli agenti mi hanno detto 'il tuo nome non è sulla lista dei passeggeri'". Una confusione amministrativa tra la compagnia aerea e la dogana tunisina, che aveva convalidato il suo biglietto, gli ha impedito l'imbarco. "Mi hanno detto: 'mi dispiace ma l'aereo deve partire'. E se ne sono andati!".

Gonzales si è quindi ritrovato in un terminal quasi vuoto all'aeroporto Charles de Gaulle. Sua moglie Soraya, cittadina tunisina, ha contattato il consolato, la dogana e l'aeroporto per cercare di risolvere la situazione. Senza successo: non si sa quando ci sarà il prossimo volo, né se ci sarà un posto per lui sull'aereo. Air France si è persino offerta di rimandarlo negli Stati Uniti a causa della sua nazionalità, considerando che la Tunisia gli ha rifiutato l'ingresso nel Paese. Ma Mark non si è arreso.

Decide di tentare la fortuna e di aspettare il prossimo volo. È bloccato all'aeroporto; non può uscire a causa del confinamento in vigore in Francia. "Mi dico: 'ok, questo sarà il mio hotel, l'Hotel Charles de Gaulle, finché non troveremo una soluzione'". Trascorre diverse notti su una brandina fornita dal personale dell'aeroporto. Praticamente tutti i ristoranti e i negozi dell'aeroporto sono chiusi; mangia dai distributori automatici e dai pochi negozi Relay ancora aperti.

Nel frattempo sua moglie Soraya continua a contattare i funzionari del ministero in Tunisia per informazioni. Un post su Facebook in cui Mark racconta la sua odissea diventa virale, raggiungendo "decine di migliaia di persone". Arrivano decine di messaggi di incoraggiamento e proposte di aiuto. "La gente mi diceva che sembravo il protagonista di una versione del film 'The terminal' ai tempi della pandemia e del Ramadan". A Gonzales viene detto che potrebbe esserci un volo da lì a quattro giorni, ma non c'è ancora nulla di certo.

Dopo 3 giorni di solitudine e di speranze deluse, alla fine del "mio piccolo tour nel terminal, vedo, proprio accanto a dove dormo, uno schermo per un volo Air France per Tunisi". Questo volo "non era su nessun sito", ma per il nostro Tom Hanks al tempo del coronavirus non è un miraggio. Mark racconta la sua storia agli addetti di Air France presenti al gate d'imbarco - i voli cancellati, i tre giorni passati a dormire in aeroporto - e questi gli rispondono che il volo è praticamente vuoto.

Mark scrive subito alla moglie affinché informi la dogana e il consolato, poi può finalmente imbarcarsi su un aereo per Tunisi. "C'erano solo altri quattro passeggeri a bordo. C'erano più assistenti di volo che passeggeri".

Mark Gonzales
La camera d'albergo ad Hammamet dove Mark Gonzales sta trascorrendo la quarantenaMark Gonzales

In quarantena sul suolo tunisino

All'arrivo, poiché la Tunisia ha chiuso le frontiere e imposto la quarantena per chi arriva all'aeroporto di Tunisi-Cartagine, viene trasferito in autobus in un hotel di Hammamet, trasformato durante la crisi sanitaria in un centro di accoglienza. "È diventata la mia casa per due settimane, la mia residenza. Devo rimanere quì ancora per altri 10 o 11 giorni", spiega l'autore in una video intervista. La sua temperatura è controllata una volta al giorno da un medico. Può dormire in un letto vero e proprio, niente più panini come all'aeroporto: in camera gli vengono portati dei veri pasti.

Musulmano praticante, l'intellettuale ha dovuto affrontare anche il calvario del viaggio di ritorno mentre era a digiuno per il mese di Ramadan. Per lui questo periodo ha assunto un significato particolare durante la pandemia. Sia il Ramadan che il coronavirus "sfidano le nostre abitudini, come andare al ristorante o certe comodità". Ci costringe ad affrontare problemi che di solito vogliamo evitare. È qui che possiamo trovare nuove verità, nuova saggezza".

Mark Gonzales
Mark con la sua famiglia: la moglie Soraya Hosni e le figlie Sirat e AnyaMark Gonzales

Alla fine della quarantena, quando Gonzales si riunirà con i suoi cari, saranno stati separati per quasi nove settimane. Bloccato in California, si è perso il compleanno della figlia minore, che ha compiuto due anni. Quindi "la prima cosa che farò quando rivedrò la mia famiglia sarà tenerla tra le braccia. Questa è la lezione che sto imparando da questa storia personale e da questo momento della nostra storia. Quando tutto comincia a cadere a pezzi e il controllo sembra scivolare via, quando non riusciamo più ad unirci e a connetterci, le cose che davamo per scontate diventano più chiare".